Scritta scorrevole

"Go as far as you can see, when you get there, you'll be able to see further" (T. Carlyle)

Informazioni personali

La mia foto
Insegnante di inglese, ama gli animali, vive in simbiosi con il suo Pinscher nano, adora la fotografia, ha una relazione difficile e duratura con lo shopping, e nutre una profonda passione per la scrittura. Scrive da sempre e ogni tanto pubblica. Il suo blog è un ampio rifugio in cui condivide passioni, letture, divagazioni, curiosità, riflessioni e in cui prova a dare un piccolo spazio all’Arte e a promuovere idee o iniziative degne di nota. Ha pubblicato: “Jeans e cioccolato”, “Quel ridicolo pensiero”, “Shaila” (0111 Edizioni), “Mille vie fino a te” (rivista letteraria La Fornace, n.10), "Sei dove sussulta il cuore" (nuovo romanzo, settembre 2017).

sabato 19 gennaio 2013

"Astenersi perditempo", di Gianni Santoro: le mie impressioni.

Il libro di Gianni Santoro è scritto davvero bene. L'autore racconta con un ritmo incalzante e con un'ottima abilità descrittiva i suoi incontri (non tutti, se avesse dovuto raccontarli proprio tutti avrebbe dovuto scrivere un volume capiente almeno quanto un'enciclopedia :P) con donne conosciute attraverso il web e gli annunci per cuori solitari
La storia raccontata in "Astenersi perditempo", dunque, è la storia vera di Gianni Santoro, giornalista pubblicista di Milano che, dopo una collezione proficua di incontri e appuntamenti al buio (700 appuntamenti), ha pensato di registrare nero su bianco quindici anni della sua vita, mettendosi completamente a nudo. Ehm, è un modo di dire! :P 
L'idea mi piace, anche perché devo dire che l'autore, senza risparmio di dettagli, mostra una realtà attuale parecchio diffusa, non dando nulla per scontato e riuscendo a scavare nella profondità della tematica, fornendo spiegazioni, raccontando dettagliatamente "le radici del vizio", cercando di capire insieme al lettore da dove deriva quel senso di "solitudine" che spinge tanta gente a cercare, cercare, cercare, e a "trasgredire".
Sicuramente attraverso l'esperienza dell'autore siamo in grado di comprendere una porzione di realtà che spesso viene ignorata, proprio perché sono in pochi a riuscire a parlarne con così tanta franchezza. Come afferma lo stesso autore da qualche parte nel libro e con altre parole, il mondo della chat e degli appuntamenti al buio viene spesso etichettato come "sbagliato", forse immorale, e continuano a esserci pregiudizi su questa pratica, che spesso viene quindi condotta nel più totale segreto.
Ripeto, l'idea mi piace. Mi sono piaciuti molto il linguaggio, la scorrevolezza della narrazione e quell'immancabile pizzico di ironia che rende deliziosi alcuni passaggi.
A tutto questo, però, devo aggiungerci solo un mio personalissimo ma, che non va nel modo più assoluto a togliere valore a questo scritto, attuale, d'impatto, divertente, che vi invito a leggere, anche perché come al solito è tutto troppo soggettivo!
Gianni Santoro
Il mio ma riguarda il semplice fatto che fino a più o meno metà del libro, la lettura mi ha tenuta abbastanza incollata alle pagine - queste descrizioni dettagliate delle scene, la voglia di entrare nella mentalità di questo "playboy" e delle sue amanti - ma a metà libro ho incominciato a provare qualcosa di simile alla... noia. Diciamo che ho solo sofferto un po' la ripetitività. E' successo semplicemente questo: mi sono trovata a pensare che, messa da parte l'indiscutibile capacità narrativa dell'autore, le storie raccontate fossero più o meno tutte uguali: stessa modalità di incontro, stessa evoluzione, stesso epilogo. Cambiava la donna, cambiavano i caratteri, cambiavano le scene, ma a lungo andare tutte queste incalzanti vicende hanno "abbassato la mia soglia di concentrazione" :), ma è tutta chiaramente questione di gusto personale. Il libro dapprima mi ha preso moltissimo. Poi, continuando, mi sono ritrovata a pensare qualcosa del tipo: mi interessa conoscere in generale la storia che racconta quest'uomo, ma non tutte queste storie. Non nego di aver saltato qualche paginetta "nel centro" :P, anche probabilmente con la fretta di scoprire se il nostro playboy alla fine riesce oppure no a inciampare nella "donna-trappola" (se esiste! Come scrive l'autore, "Le certezze sono come pagine bianche di una sceneggiatura ancora da scrivere").
Ma... sulla fine non svelo niente. E va bene, in realtà non ce lo svela neppure l'autore :P, ma devo dire che, almeno, dopo queste corse affannate, incalzanti, che si concludono sempre con il niente e che apparentemente non portano a nessuna svolta, Gianni Santoro ci lascia con una bellissima speranza, ci apre uno spiraglio, e sembra dirci: probabilmente non ho fatto tutto questo per niente.
Sarà che chi corre, corre sempre per raggiungere qualcosa. O qualcuno.
Tutto sommato una piacevole lettura.





Leggi anche l'intervista fatta a Gianni Santoro
un po' di tempo fa.





Simona



Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Cerca per argomento

0111 edizioni (23) accessori (20) accessori dipinti a mano (9) acquisti (28) amore (5) Angela Bianchini (3) animali (3) annunci (1) Anteprime di libri (26) Arredamento e idee casa (1) arte (32) Artesottoilsole (1) Associazione Adolescenti e cancro (1) Associazione culturale G.a.i.a. (10) Associazione Un Ponte per Anne Frank (1) autori (87) autori emergenti (28) autori esordienti (68) autunno (5) Avon (1) Avvisi (2) Beauty (2) bellezza (4) benessere (3) Biennale del Salento (1) borse (12) borse dipinte a mano (3) Bottega Verde (2) Braccialini (1) Butterfly Edizioni (11) cani (2) case editrici (7) categorie maschili (3) cazzate varie (69) Chick-lit (2) Cinema (1) Città (6) Città del Libro 2012 (2) community (1) concorsi (5) Corsi di scrittura (1) cose di cui non te ne può fregar de meno (77) cose mie (134) cose strane (5) creatività (8) curiosità (13) Desigual (7) di tutto e un po' (87) dipinti (6) diritti d'autore (2) Divagazioni (2) domande su Blogger o Blog (1) donne case e disastri (16) e-book (5) Emily Dickinson (1) estate (1) Estratti (2) eventi (6) Facebook (1) Fai bei sogni (1) Famiglia (1) film e cortometraggi (1) Film e recensioni (6) Filosofia (1) Fotografia (4) fotografie (33) Giardini fioriti (2) giochini (5) Giveaway (16) Gli oleandri (1) H&M (1) Hanùl (17) Haruki Murakami (1) I vostri racconti! (1) idee abbigliamento (16) idee capelli (7) Il Blog (11) Il Giorno della Memoria (1) Il salotto di Simo (137) Ilaria Goffredo (2) illustrazioni (1) immagini (8) Inglese (1) Insegnamento (3) Inside Out (1) interviste (64) Invia il tuo racconto! (13) Jeans e cioccolato (32) L'ultimo tramonto a Bangkok (2) La bottega dei libri incantati (2) La Fornace (3) lavoro (1) Le Chat Gourmand (1) Le labbra tue sincere (1) Le nostre distanze (3) Lecce (3) Lecceprima (1) leggere (6) Leonid Afremov (3) Letteratura (6) lettura (2) Lezioni di arabo (2) libri (141) Link utili (1) Lo sapevate che... (5) lugubrazioni mentali (31) Massimo Gramellini (1) Maurizio Monte (2) Milano (10) Mille vie fino a te (2) mostre (4) Musicoterapia (1) Narcissus (1) Natale (7) Never let me go (1) Non c'è nulla di ordinario nell'ordinario (1) novità (36) nullezze (35) ordini online (5) pagine dal vento (52) Parchi (1) Passo Domani (3) Perugia (4) Pittura (7) Poesia (1) poesie (23) Poesie e racconti d'autore (2) Pollice verde (1) portafogli dipinti a mano (2) Premiazioni (11) presentazioni letterarie (4) primavera (1) promozione (76) propositi di vita (41) psicologia (1) pubblicare (70) pubblicità (28) Puglia (1) Puuung (1) Quel ridicolo pensiero (14) Racconta la tua storia e vinci un premio (4) racconti (28) racconti di vita quotidiana (26) recensioni (39) ricordi (11) riflessioni (53) risate (6) romanzi (3) romanzi d'esordio (57) Salento (1) Salman Rushdie (1) Sara Rattaro (1) scarpe (1) Scrittura (7) scrivere (56) Scuola (6) Segnalazioni (26) Sei dove sussulta il cuore (4) Self-publishing (1) Sentimenti (1) Shaila (1) Simona Giorgino (17) Sondaggi (2) Sophie Kinsella (6) storie di attualità (4) storie di ordinaria follia (74) StreetLib (1) studiare (2) Teatro (1) TFA (1) Thomas Kinkade (1) Tiziana Iaccarino (3) Toscana (1) Traduzioni (1) università (4) Verde (2) viaggi e partenze (20) video (6) vita (19) www.hanulstyle.com (3)

Archivio blog