Scritta scorrevole

"Go as far as you can see, when you get there, you'll be able to see further" (T. Carlyle)

Informazioni personali

La mia foto
Insegnante di inglese, ama gli animali, vive in simbiosi con il suo Pinscher nano, adora la fotografia, ha una relazione difficile e duratura con lo shopping, e nutre una profonda passione per la scrittura. Scrive da sempre e ogni tanto pubblica. Il suo blog è un ampio rifugio in cui condivide passioni, letture, divagazioni, curiosità, riflessioni e in cui prova a dare un piccolo spazio all’Arte e a promuovere idee o iniziative degne di nota. Ha pubblicato: “Jeans e cioccolato”, “Quel ridicolo pensiero”, “Shaila” (0111 Edizioni), “Mille vie fino a te” (rivista letteraria La Fornace, n.10).

mercoledì 6 luglio 2016

Prima del viaggio - Eugenio Montale





Prima del viaggio si scrutano gli orari,
le coincidenze, le soste, le pernottazioni
e le prenotazioni (di camere con bagno
o doccia, a un letto o due o addirittura un flat);
si consultano le guide Hachette e quelle dei musei,
si scambiano valute, si dividono
franchi da escudos, rubli da copechi;

prima del viaggio si informa
qualche amico o parente, si controllano
valigie e passaporti, si completa
il corredo, si acquista un supplemento
di lamette da barba, eventualmente
si dà un’occhiata al testamento, pura
scaramanzia perché i disastri aerei
in percentuale sono nulla;

prima del viaggio si è tranquilli ma si sospetta che
il saggio non si muova e che il piacere
di ritornare costi uno sproposito.

E poi si parte e tutto è OK e tutto
è per il meglio e inutile.

E ora che ne sarà
del mio viaggio?
Troppo accuratamente l’ho studiato
senza saperne nulla. Un imprevisto
è la sola speranza. Ma mi dicono
che è una stoltezza dirselo.




(Eugenio Montale, Satura)



martedì 5 luglio 2016

Esami di maturità: una porta sulla vita.

Li vedi entrare sommessi, con la paura negli occhi e i sorrisi tremanti che scuotono le labbra. Si siedono lì, nel banco "incriminato", quello al centro circondato dalla commissione che, malgrado le aspettative di ogni studente, nasconde un che di meravigliosamente benevolo. Lo nascondono anche i commissari esterni, quei personaggi sconosciuti venuti da fuori, da chissà dove, che si temono come si teme chiunque e qualunque cosa non si conosca. 
Questi studenti ieri notte con ogni probabilità non hanno chiuso occhio, impegnati a rigirarsi nel letto con agitazione e a ripetere mentalmente gli argomenti principali o quelli su cui si sentono meno preparati. Eppure oggi sono qui, puntuali come orologi svizzeri. Si sono preparati al meglio, hanno indossato abiti carini per il giorno della loro maturità, hanno portato le tesine ben rilegate, dai titoli colorati e spesso altisonanti, si sono preparati a presentarle con un discorso che, per quanto cerchino di nasconderlo, pronunciano facendo affidamento alla memoria, dando a quella il compito di rompere il ghiaccio.  
Quando iniziano a parlare l'emozione viene fuori quasi sempre impetuosa. Anche nei ragazzi più determinati e sicuri di sé: si vede che le parole spesso vengono fuori tremanti. Perché questo, dopotutto, è il colloquio finale e decisivo di un percorso lunghissimo, di cinque anni intensi che si lasciano alle spalle spavaldi, assetati di vita. 
Quando viene chiesto loro di esprimersi sulle intenzioni future, su che cosa vorranno fare dopo la maturità, i loro occhi si riempiono di luce e improvvisamente sembrano già cresciuti, già più grandi di quando sono arrivati, un'ora fa: hanno tutti le idee chiare, sanno che cosa vorrebbero fare, che cosa li aspetta a settembre. I loro 18, 19 anni in quell'istante sembrano già abbastanza per intraprendere qualsiasi strada. 
Quante volte nella vita questi ragazzi forse cadranno e si rialzeranno, quanti sogni infranti ma quanti altri sogni realizzati, quanti progetti falliti e quanti altri portati a termine con grande forza e determinazione. Alcuni avranno abbastanza motivazione per combattere, altri potrebbero perderne un po' nei sentieri oscuri della sensibilità. Alcuni continueranno sempre a sapere chi sono, altri smarriranno la loro essenza per poi forse ritrovarla in qualche angolo nascosto di sé stessi. Patiranno pene d'amore, ma poi alcuni si sposeranno e avranno dei figli, altri forse decideranno che per loro le cose andranno diversamente. Alcuni saranno abbastanza fortunati da sentirsi sempre in sintonia con il mondo, sulle spalle di altri graverà probabilmente il peso di sentirsi continuamente diversi, controcorrente, spesso incompresi. Una cosa sola è certa per tutti: questi esami di maturità altro non sono che una prima tappa necessaria, una prima porta che si apre sul mondo e sulla vita: un punto di partenza. 
I commissari, a volte, vorrebbero esprimere tutto ciò, invece si limitano a un banale ma sincero "in bocca al lupo". Vorrebbero poter dare loro le chiavi per aprire più porte possibili, ma la verità è che neanche loro ne sono in possesso. Ciascuno di noi si procura le chiavi che gli spettano, in base a quanto impegno profuso, a quanta determinazione mantenuta nel corso della propria esistenza. Le chiavi non sono uguali per tutte le porte. "In bocca al lupo", dicono, ed è un augurio per quello che viene subito dopo la maturità, che sia l'iscrizione all'Università o l'ingresso nel mondo del lavoro, ma soprattutto è un augurio per la vita che continuerà sempre a essere un grande, interminabile esame di maturità. Non si è mai troppo maturi per la vita, e, dopotutto, non è per niente detto che ciò sia un male. 







Simona




Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Cerca per argomento

0111 edizioni (23) accessori (20) accessori dipinti a mano (9) acquisti (28) amore (4) Angela Bianchini (3) animali (3) annunci (1) Anteprime di libri (25) arte (32) Artesottoilsole (1) Associazione Adolescenti e cancro (1) Associazione culturale G.a.i.a. (10) Associazione Un Ponte per Anne Frank (1) autori (85) autori emergenti (27) autori esordienti (68) autunno (5) Avon (1) Avvisi (2) Beauty (2) bellezza (4) benessere (3) Biennale del Salento (1) borse (12) borse dipinte a mano (3) Bottega Verde (2) Braccialini (1) Butterfly Edizioni (11) cani (2) case editrici (7) categorie maschili (3) cazzate varie (69) Chick-lit (2) Cinema (1) Città del Libro 2012 (2) community (1) concorsi (5) Corsi di scrittura (1) cose di cui non te ne può fregar de meno (77) cose mie (132) cose strane (5) creatività (7) curiosità (13) Desigual (7) di tutto e un po' (86) dipinti (6) diritti d'autore (2) Divagazioni (2) domande su Blogger o Blog (1) donne case e disastri (16) e-book (3) Emily Dickinson (1) Estratti (2) eventi (6) Facebook (1) Fai bei sogni (1) Famiglia (1) film e cortometraggi (1) Film e recensioni (6) Filosofia (1) Fotografia (4) fotografie (32) giochini (5) Giveaway (16) Gli oleandri (1) H&M (1) Hanùl (17) Haruki Murakami (1) I vostri racconti! (1) idee abbigliamento (16) idee capelli (7) Il Blog (11) Il Giorno della Memoria (1) Il salotto di Simo (136) Ilaria Goffredo (2) illustrazioni (1) immagini (8) Inglese (1) Insegnamento (2) Inside Out (1) interviste (64) Invia il tuo racconto! (13) Jeans e cioccolato (32) L'ultimo tramonto a Bangkok (2) La bottega dei libri incantati (2) La Fornace (3) Le Chat Gourmand (1) Le labbra tue sincere (1) Le nostre distanze (3) Lecce (2) Lecceprima (1) leggere (6) Leonid Afremov (3) Letteratura (6) Lezioni di arabo (2) libri (137) Link utili (1) Lo sapevate che... (5) lugubrazioni mentali (31) Massimo Gramellini (1) Maurizio Monte (2) Milano (5) Mille vie fino a te (2) mostre (4) Musicoterapia (1) Natale (7) Never let me go (1) Non c'è nulla di ordinario nell'ordinario (1) novità (34) nullezze (35) ordini online (5) pagine dal vento (48) Passo Domani (3) Perugia (4) Pittura (7) Poesia (1) poesie (23) Poesie e racconti d'autore (2) portafogli dipinti a mano (2) Premiazioni (11) presentazioni letterarie (4) primavera (1) promozione (76) propositi di vita (39) psicologia (1) pubblicare (68) pubblicità (27) Puglia (1) Puuung (1) Quel ridicolo pensiero (14) Racconta la tua storia e vinci un premio (4) racconti (28) racconti di vita quotidiana (26) recensioni (39) ricordi (9) riflessioni (52) risate (6) romanzi d'esordio (57) Salento (1) Salman Rushdie (1) Sara Rattaro (1) scarpe (1) Scrittura (4) scrivere (53) Scuola (4) Segnalazioni (25) Shaila (1) Simona Giorgino (13) Sondaggi (2) Sophie Kinsella (6) storie di attualità (4) storie di ordinaria follia (74) studiare (2) Teatro (1) TFA (1) Thomas Kinkade (1) Tiziana Iaccarino (3) Toscana (1) Traduzioni (1) università (4) viaggi e partenze (19) video (6) vita (15) www.hanulstyle.com (3)