Scritta scorrevole

"Go as far as you can see, when you get there, you'll be able to see further" (T. Carlyle)

Informazioni personali

La mia foto
Insegnante di inglese, ama gli animali, vive in simbiosi con il suo Pinscher nano, adora la fotografia, ha una relazione difficile e duratura con lo shopping, e nutre una profonda passione per la scrittura. Scrive da sempre e ogni tanto pubblica. Il suo blog è un ampio rifugio in cui condivide passioni, letture, divagazioni, curiosità, riflessioni e in cui prova a dare un piccolo spazio all’Arte e a promuovere idee o iniziative degne di nota. Ha pubblicato: “Jeans e cioccolato”, “Quel ridicolo pensiero”, “Shaila” (0111 Edizioni), “Mille vie fino a te” (rivista letteraria La Fornace, n.10).

venerdì 18 maggio 2012

Recensione di "Amore e guerra", Ilaria Goffredo, 0111 edizioni

“Amore e Guerra” è ambientato in Ruanda. Non è difficile immaginare le difficoltà e i problemi da cui è invaso un paese come il Ruanda, perché ce lo dicono i telegiornali, lo dice la storia, lo leggiamo sui notiziari. Ma, soprattutto, lo testimoniano coloro che tornano da quella terra lontana dopo un viaggio o un’esperienza di volontariato. Ed è questo che possiamo trarre, tra le altre cose, dal romanzo di Ilaria Goffredo: la testimonianza reale di chi ha potuto toccare con mano, sentire sulla propria pelle e vedere con i propri occhi. Tornando da una realtà africana, c’è da dire, accanto ai propri ricordi non è affatto raro che ci si porti appresso anche il noto “mal d’Africa”, motivo per cui spesso si finisce per ritornarci.
Dopo un primo viaggio in Tanzania, Siria, la protagonista di “Amore e Guerra”, edito dalla Zerounoundici Edizioni, ha studiato e lottato proprio per ottenere l’opportunità di fare volontariato in Africa. Perché di questo si tratta: di un’opportunità. L’opportunità di valicare le frontiere ed incontrare lo sconosciuto, l’opportunità di sentirsi pienamente se stessi nel momento in cui si offre se stessi agli altri. È l’opportunità di regalare una manciata di speranze a chi non potrebbe neanche sperare di averne.
Nonostante la sua giovane età, Siria è una donna matura, lo diventa soprattutto laggiù, a contatto con una realtà che, a causa della rivalità tra due fazioni della popolazione ruandese, gli Hutu e i Tutsi, va peggiorando sempre più. E siamo nel 1994. Gli Hutu, considerando etnicamente inferiori i loro conterranei sin dai tempi del colonialismo belga e anche molto prima, intraprendono una feroce lotta che sfocia in un terribile genocidio, in cui le vittime sono uomini, donne e bambini, tutti indistintamente massacrati senza pietà a causa di un’unica colpa che li macchia: quella di appartenere alla razza Tutsi. 
Siria è laggiù proprio nel periodo dell’aggravarsi della terribile situazione. Dedita ai suoi dolcissimi bambini orfani di cui si prende instancabilmente cura e che difende da ogni male, Siria sembra non sentire alcun bisogno personale. Da quando ha rimesso piede in Africa, non ha mai pensato a se stessa, al suo avvenire, alle sue esigenze che ha inconsapevolmente messo a tacere, non si è mai chiesta cosa sarà della sua vita. Perché si suppone che la vita al di là dei confini africani continui, dall’altra parte del mondo la gente si innamora, si sposa, cresce i suoi figli. Ma l’amore non ha paura di alcun tipo di confine, neppure di quello che rasenta la guerra. L’amore è in grado di scavalcarli, ed arrivare sin nel cuore dell’Africa.
L'autrice, Ilaria Goffredo
È di un giornalista newyorkese che Siria si innamora, un giornalista della CNN che è atterrato nel Ruanda proprio per indagare sulla guerra in corso e raccogliere testimonianze. Ma, nel frattempo, un soldato delle Nazioni Unite, da diversi mesi amico della giovane ragazza, dolcissimo e premuroso, comincia a rivolgerle delle interessanti attenzioni. Restiamo, quindi, sempre lì a domandarci chi avrà la meglio, chi riuscirà a conquistare il suo cuore, forse tifando per uno, forse per l’altro. Riscoperto il fascino dell’amore, Siria si apre completamente e senza inibizioni al sentimento dal quale per troppo tempo è rimasta lontana. Ed è proprio nei momenti dell’amore che scopriamo una Siria diversa da quella che abbiamo conosciuto. Non più una Siria forte e coraggiosa che si occupa solo degli altri, non più una ragazza disattenta ai propri bisogni, ai propri sentimenti. L’amore, soprattutto se mescolato con la guerra, ha l’incredibile capacità di mettere a nudo ogni sua debolezza, di farle riscoprire il suo stesso bisogno di ricevere protezione e non solo di darne, di rivelare una fragilità umana che si sbriciola pian piano in un caldo abbraccio, in una carezza, in una parola di conforto o in un gesto di premurosa attenzione. La guerra non ha per niente raffreddato i loro cuori. E loro continuano a innamorarsi, ad interessarsi a uno sguardo, a cercare un abbraccio. I baci e la passione, l’amore e la speranza, si fanno sempre più largo nella guerra che divampa, dimostrando che non è mai il male a vincere.


Recensione a cura di 
 Simona Giorgino 



__________________________________
Per avere info sul libro e sull'acquisto, date un'occhiata al blog dell'autrice.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Cerca per argomento

0111 edizioni (23) accessori (20) accessori dipinti a mano (9) acquisti (28) amore (4) Angela Bianchini (3) animali (3) annunci (1) Anteprime di libri (25) arte (32) Artesottoilsole (1) Associazione Adolescenti e cancro (1) Associazione culturale G.a.i.a. (10) Associazione Un Ponte per Anne Frank (1) autori (85) autori emergenti (27) autori esordienti (68) autunno (5) Avon (1) Avvisi (2) Beauty (2) bellezza (4) benessere (3) Biennale del Salento (1) borse (12) borse dipinte a mano (3) Bottega Verde (2) Braccialini (1) Butterfly Edizioni (11) cani (2) case editrici (7) categorie maschili (3) cazzate varie (69) Chick-lit (2) Cinema (1) Città del Libro 2012 (2) community (1) concorsi (5) Corsi di scrittura (1) cose di cui non te ne può fregar de meno (77) cose mie (132) cose strane (5) creatività (7) curiosità (13) Desigual (7) di tutto e un po' (86) dipinti (6) diritti d'autore (2) Divagazioni (2) domande su Blogger o Blog (1) donne case e disastri (16) e-book (3) Emily Dickinson (1) Estratti (2) eventi (6) Facebook (1) Fai bei sogni (1) Famiglia (1) film e cortometraggi (1) Film e recensioni (6) Filosofia (1) Fotografia (4) fotografie (32) giochini (5) Giveaway (16) Gli oleandri (1) H&M (1) Hanùl (17) Haruki Murakami (1) I vostri racconti! (1) idee abbigliamento (16) idee capelli (7) Il Blog (11) Il Giorno della Memoria (1) Il salotto di Simo (136) Ilaria Goffredo (2) illustrazioni (1) immagini (8) Inglese (1) Insegnamento (2) Inside Out (1) interviste (64) Invia il tuo racconto! (13) Jeans e cioccolato (32) L'ultimo tramonto a Bangkok (2) La bottega dei libri incantati (2) La Fornace (3) Le Chat Gourmand (1) Le labbra tue sincere (1) Le nostre distanze (3) Lecce (2) Lecceprima (1) leggere (6) Leonid Afremov (3) Letteratura (6) Lezioni di arabo (2) libri (137) Link utili (1) Lo sapevate che... (5) lugubrazioni mentali (31) Massimo Gramellini (1) Maurizio Monte (2) Milano (5) Mille vie fino a te (2) mostre (4) Musicoterapia (1) Natale (7) Never let me go (1) Non c'è nulla di ordinario nell'ordinario (1) novità (34) nullezze (35) ordini online (5) pagine dal vento (48) Passo Domani (3) Perugia (4) Pittura (7) Poesia (1) poesie (23) Poesie e racconti d'autore (2) portafogli dipinti a mano (2) Premiazioni (11) presentazioni letterarie (4) primavera (1) promozione (76) propositi di vita (39) psicologia (1) pubblicare (68) pubblicità (27) Puglia (1) Puuung (1) Quel ridicolo pensiero (14) Racconta la tua storia e vinci un premio (4) racconti (28) racconti di vita quotidiana (26) recensioni (39) ricordi (9) riflessioni (52) risate (6) romanzi d'esordio (57) Salento (1) Salman Rushdie (1) Sara Rattaro (1) scarpe (1) Scrittura (4) scrivere (53) Scuola (4) Segnalazioni (25) Shaila (1) Simona Giorgino (13) Sondaggi (2) Sophie Kinsella (6) storie di attualità (4) storie di ordinaria follia (74) studiare (2) Teatro (1) TFA (1) Thomas Kinkade (1) Tiziana Iaccarino (3) Toscana (1) Traduzioni (1) università (4) viaggi e partenze (19) video (6) vita (15) www.hanulstyle.com (3)

Archivio blog