Scritta scorrevole

"Go as far as you can see, when you get there, you'll be able to see further" (T. Carlyle)

Informazioni personali

La mia foto
Insegnante di inglese, ama gli animali, vive in simbiosi con il suo Pinscher nano, adora la fotografia, ha una relazione difficile e duratura con lo shopping, e nutre una profonda passione per la scrittura. Scrive da sempre e ogni tanto pubblica. Il suo blog è un ampio rifugio in cui condivide passioni, letture, divagazioni, curiosità, riflessioni e in cui prova a dare un piccolo spazio all’Arte e a promuovere idee o iniziative degne di nota. Ha pubblicato: “Jeans e cioccolato”, “Quel ridicolo pensiero”, “Shaila” (0111 Edizioni), “Mille vie fino a te” (rivista letteraria La Fornace, n.10), "Sei dove sussulta il cuore" (nuovo romanzo, settembre 2017).

martedì 30 luglio 2013

RACCONTO: "Riflessioni di una zitella", di Giordana Ungaro


Per la sezione "Invia il tuo racconto!": 
Riflessioni di una zitella, di Giordana Ungaro




Sarò atipica o semplicemente meno tipica, o forse identica a tutte le altre, non lo so e trovo inutile giudicarmi visto che il resto dell’umanità ci pensa già ampiamente a farlo. 
Sono una donna e come tale vittima delle debolezze e dei bisogni femminili, ammetto e accuso l’assenza di un uomo al mio fianco.
Sono single e per nulla contenta di esserlo. Come tutti vorrei incontrare l’altra metà della mela, il problema è che non la trovo. Non nego nemmeno di cercarla, anzi, ammetto che la cerco ovunque, in ogni individuo dotato di testosterone che mi passa accanto, in ogni luogo affollato o sperduto, in ogni situazione ma … ecco … questo è il problema: il “ma”. 
A vent’anni mi piacevano tutti, m’innamoravo ogni cinque minuti, quindi la scelta era ampia. A trentadue no e si riduce sempre più. Forse è più un bene che un male e dato dal semplice fatto che l’amore maturo non si riduce ad un aspetto piacevole, qualche complimento e un istinto sessuale. Alla mia età la bellezza è soggettiva ma l’intelligenza e la complicità invece diventano fondamentali. La cosa triste è che la maggior parte di coloro con cui esco mi fa rimpiangere di non essere invece a passeggio col mio cane: meno noioso, egoista, impostato e per nulla intenzionato solo a sfilarmi le mutande. 
Mi sono accorta di avere delle regole, dei cliché di selezione che mi portano verso un certo prototipo di uomo, insomma mi ritrovo a tagliare fuori una fetta considerevole di possibili candidati secondo dei dettagli che, in base al mio gusto, rendono il “maschio” sicuramente poco virile. In primis evito il tipo “alla moda”, talmente attento all’esteriorità da dimenticare poi che l’involucro deve pur contenere qualcosa. Poi c’è il: “Noooo.... io?! Non esco con te per portarti a letto!” che trovo piuttosto ipocrita poiché l'istinto sessuale è predominante nel dna maschile soprattutto all’inizio nella scelta di una partner. Inoltre un minimo di desiderio devo suscitarlo no? 
Poi ho notato che “elimino” a priori uomini da certi piccoli (e per me orridi) dettagli tipo quelli che hanno un cane minuscolo, non so bene perché ma non ci vedo niente di ‘macho’ nell’uomo che porta a spasso un Chihuahua; quelli con la canottiera, non si può vedere addosso a nessuno che sia fisicato come Ken il guerriero o meno; quello con il perizoma (ma questo è un dettaglio di cui purtroppo ci si accorge troppo tardi, assieme ad un altro che preferisco tralasciare); quello depilato con annesso ritocco sopraccigliare dall’estetista; l’uomo zerbino (ma questa è una repulsione comune a tutte a quanto pare); il ponderato, ossia quello che non fa vedere mai un’emozione, che non si arrabbia, che non s’ingelosisce, che non s’incaponisce che non ha una posizione o che ha paura a mostrarla. Poi elimino: i “banali elettroencefalogramma piatto”, ossia coloro che nella vita non hanno almeno due passioni a prescindere dal lavoro che svolgono; gli “ho sempre bisogno della tua approvazione”; vade retro anche allo schizzinoso, che si ‘schifa’ di tutto e che vuole una donna che passi la giornata a sterminare i germi in ogni angolo della casa. 
L’uomo che cerco deve amare i cani e non solo, perché nella mia vita ce ne sarà sempre uno al mio fianco e poi credo che le persone che amano gli animali abbiano sempre un animo buono e gentile, rivelato o nascosto che sia.
Insomma più che del principe azzurro, sono in attesa di un cavernicolo, con la barba incolta, che arrivi a cavallo di un bue con una clava in mano e stivali di gomma e che per conquistarmi mi porti alla “sagra della salsiccia”. Chiedo troppo? Credo che resterò zitella.





Giordana Ungaro




________________
Se anche tu vuoi vedere pubblicato il tuo racconto su questo blog,

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Cerca per argomento

0111 edizioni (23) accessori (20) accessori dipinti a mano (9) acquisti (28) amore (5) Angela Bianchini (3) animali (3) annunci (1) Anteprime di libri (26) Arredamento e idee casa (1) arte (32) Artesottoilsole (1) Articoli (1) Associazione Adolescenti e cancro (1) Associazione culturale G.a.i.a. (10) Associazione Un Ponte per Anne Frank (1) autori (88) autori emergenti (30) autori esordienti (68) autunno (5) Avon (1) Avvisi (2) Beauty (2) bellezza (4) benessere (3) Biennale del Salento (1) borse (12) borse dipinte a mano (3) Bottega Verde (2) Braccialini (1) Butterfly Edizioni (11) cani (2) case editrici (7) categorie maschili (3) cazzate varie (69) Chick-lit (2) Cinema (1) Città (6) Città del Libro 2012 (2) community (1) concorsi (5) Copertine di libri (1) Corsi di scrittura (1) cose di cui non te ne può fregar de meno (77) cose mie (135) cose strane (5) creatività (9) curiosità (13) Desigual (7) di tutto e un po' (87) dipinti (6) diritti d'autore (2) Divagazioni (2) domande su Blogger o Blog (1) donne case e disastri (16) e-book (5) Emily Dickinson (1) estate (1) Estratti (2) eventi (7) Facebook (2) Fai bei sogni (1) Famiglia (1) film e cortometraggi (1) Film e recensioni (6) Filosofia (1) Fotografia (4) fotografie (33) Giardini fioriti (2) giochini (5) Giornale di Puglia (1) Giveaway (17) Gli oleandri (1) H&M (1) Hanùl (17) Haruki Murakami (1) I vostri racconti! (1) idee abbigliamento (16) idee capelli (7) Il Blog (11) Il Giorno della Memoria (1) Il salotto di Simo (138) Ilaria Goffredo (2) illustrazioni (1) immagini (8) Inglese (1) Insegnamento (3) Inside Out (1) interviste (65) Invia il tuo racconto! (13) Jeans e cioccolato (32) L'ultimo tramonto a Bangkok (2) La bottega dei libri incantati (2) La Fornace (3) lavoro (1) Le Chat Gourmand (1) Le labbra tue sincere (1) Le nostre distanze (3) Lecce (3) Lecceprima (1) leggere (6) Leonid Afremov (3) Letteratura (6) lettura (2) Lezioni di arabo (2) libri (146) Link utili (1) Lo sapevate che... (5) lugubrazioni mentali (31) Massimo Gramellini (1) Maurizio Monte (2) Milano (10) Mille vie fino a te (2) mostre (4) Musicoterapia (1) Narcissus (1) Natale (7) Never let me go (1) Non c'è nulla di ordinario nell'ordinario (1) novità (37) nullezze (35) ordini online (5) pagine dal vento (52) Parchi (1) Passo Domani (3) Perugia (4) Pittura (7) Poesia (1) poesie (23) Poesie e racconti d'autore (2) Pollice verde (1) portafogli dipinti a mano (2) Premiazioni (11) presentazioni letterarie (4) primavera (1) promozione (77) propositi di vita (41) psicologia (1) pubblicare (70) pubblicità (28) Puglia (1) Puuung (1) Quel ridicolo pensiero (14) Racconta la tua storia e vinci un premio (4) racconti (28) racconti di vita quotidiana (26) recensioni (39) ricordi (11) riflessioni (53) risate (6) romanzi (8) romanzi d'esordio (57) Salento (1) Salman Rushdie (1) Sara Rattaro (1) scarpe (1) Scrittura (8) scrivere (57) Scuola (6) Segnalazioni (26) Sei dove sussulta il cuore (9) Self-publishing (1) Sentimenti (1) Shaila (1) Simona Giorgino (21) Sondaggi (2) Sophie Kinsella (6) storie di attualità (4) storie di ordinaria follia (74) StreetLib (1) studiare (2) Teatro (1) TFA (1) The Pink Cafè (1) Thomas Kinkade (1) Tiziana Iaccarino (4) Toscana (1) Traduzioni (1) università (4) Verde (2) viaggi e partenze (20) video (6) vita (19) www.hanulstyle.com (3)

Archivio blog