Scritta scorrevole

"Go as far as you can see, when you get there, you'll be able to see further" (T. Carlyle)

Informazioni personali

La mia foto
Insegnante di inglese, ama gli animali, vive in simbiosi con il suo Pinscher nano, adora la fotografia, ha una relazione difficile e duratura con lo shopping, e nutre una profonda passione per la scrittura. Scrive da sempre e ogni tanto pubblica. Il suo blog è un ampio rifugio in cui condivide passioni, letture, divagazioni, curiosità, riflessioni e in cui prova a dare un piccolo spazio all’Arte e a promuovere idee o iniziative degne di nota. Ha pubblicato: “Jeans e cioccolato”, “Quel ridicolo pensiero”, “Shaila” (0111 Edizioni), “Mille vie fino a te” (rivista letteraria La Fornace, n.10).

venerdì 28 settembre 2012

Daniela e l'arte: vi presento Hanùl!

Ciao a tutti! 
Due interviste interessanti nel giro di poco tempo :)!

Stavolta ad essersi sottoposta alle mie domande è Daniela Giorgino [ehm, il cognome la dice lunga sul nostro grado di parentela :P] che ci parlerà della sua più grande passione nonché del suo lavoro: pittura, decorazione, restyling. 

________________________


Ciao Daniela, bentornata nel mio blog!
Sei stata ospite nel mio blog un'altra volta, esattamente era l'agosto del 2011 (cliccate qui per leggere la prima intervista), e avevamo già avuto il piacere di vedere qualcosa di tuo. Ora però so che la tua attività si è ingrandita, ti occupi di molte altre cose e, ovviamente, come credo accada un po' a tutti gli artisti, il tuo stile si è evoluto. Ti ritrovi in questo? C'è stata un'evoluzione e, se sì, in che cosa e in che modo è avvenuta?


Ciao Simona e grazie di nuovo per avermi ospitata nel tuo bellissimo blog!
In un anno ineffetti sono stata travolta dalla mia passione in maniera ancora più "esasperata", facendo cadere nell'oblìo i miei poveri libri di giurisprudenza! A volte mi sento tanto in colpa per gli anni spesi all'università, ma ancora di più in colpa verso me stessa, per non essermi capita molto prima. Ma forse devi passare per forza da certe fasi per comprendere il " famoso senso della vita"...e tante situazioni, inclusa soprattutto l'università, mi hanno fatto approdare qui, dove sono adesso! Mi sentivo sballottolata tra un progetto e l'altro e quando riuscivo a realizzarne uno poi non mi entusiasmava più, e questo perchè non era quello che il mio cuore voleva! 
Sono stata travolta da un anno e più ormai a questa parte, e quello che più è mutato in me, oltre allo stile, è la mia voglia, ancora più forte, che non è solo una passione, un hobby per quando sono annoiata, ma è il mio lavoro, io lo sento così! 
Mi alzo la mattina e so già cosa devo e voglio fare e non m'importa delle chiacchiere inutili e distruttive della gente ( a dire la verità pochissime) perchè da sola io, adesso mi basto!
Prima cercavo l'approvazione della gente e la loro stima, e forse studiavo qualcosa che piacesse più agli altri per essere stimata e voluta dalla società. Adesso voglio quello che voglio io! Lo stile non è mutato. Nel senso che uno fa qualcosa nello stesso modo ma semmai sperimentando tecniche diverse, ma la firma o l'impronta resta sempre quella! Osservando i miei lavori, noto elementi comuni in igni cosa e questo mi piace perchè tutto deve essere diverso ma deve avere in sè il gene della propria madre! Lo stile che mi ha appassionato di gran lunga ultimamente è il liberty, grazie ad un lavoro che ho avuto il piacere di fare per un signore delle Marche appunto amante dello stile. Questi abat jour che vedete nella foto in basso sono delle variazioni su Mucha, un pittore cecoslovacco. E da lì ho pensato che mi rappresenti in pieno... amo queste vesti svolazzanti, a volte esageratamente svolazzanti... questi capelli lunghissimi e i fiori morbidi tagliati dal nero della pasta piombo a mò di "Tiffany"! E' lui lo stile che in quest'anno ho ritrovato!


Questa lampada [sotto] rappresenta il Sole, e i suoi colori sono caldi e accesi per dare l'idea di una lampada infuocata! Anche la donna qui è dinamica, energica!



Questa invece la Luna [sotto], colori freddi e la stessa donna è più pacata, seduta sulla luna bianca immersa tra le onde del cielo blu e quasi inghiottita dalle sue vesti!


Io adoro queste lampade...mi hanno fatto innamorare di questo stile e dei colori trapassati dalla luce nelle trasparenze del vetro!



Concordo, queste creazioni sono a dir poco mozzafiato! E so che ormai sempre più gente ti chiede di realizzare qualcosa di personalizzato. Qual è stato l'oggetto più richiesto finora? Che cosa hai realizzato con più frequenza?

Sì e sono contenta di questo perchè ho capito che le mie creazioni piacciono non solo a me e che presto posso dar voce a questo mio lavoro-passione in maniera più "concreta" realizzando finalmente la mia " Casa di Hanul" non solo virtuale insomma! ;) 
Bhe, l'oggetto che mi è stato più richiesto sono senz'altro le tegole dipinte a mano... vanno che è una meraviglia! 
In pochi mesi ne ho realizzate tante. Molte in tris, soprattutto le medie che rallegrano la casa e sono ideali in qualsiasi stanza!







E invece c'è qualcosa in particolare che tu preferisci realizzare, che ti piace fare di più, che ti permette di esprimerti pienamente?

Non saprei dirti un oggetto specifico, perchè la mia passione abbraccia tutta la pittura a largo spettro, quindi anche le decorazioni e il restyling di vecchi oggetti. Direi che è una grande emozione riportare in vita oggetti vecchi e dimenticati in soffitta, mobili e tutto ciò da cui può rinascere qualcosa! Mi piace riutilizzare le vecchie cose oppure utilizzarne parti ancora buone per creare qualcosa di nuovo! Questo fa esprimere me stessa in pieno perchè fa crescere la mia fantasia...
Questo lume che vedete nella foto in basso ad esempio è nato da parti diverse... il paralume è fatto di carta riso ambrata per dare luce calda e sopra ci ho attaccato fiori secchi profumati di quelli che si usano per profumare i cassetti della biancheria. La parte elettrica l'ho scovata in un mercatino dell'usato a soli 2 euro, e la base non è altro che il coperchio di un porta gioie tutto rovinato! E voilà, un lume del tutto funzionante che allieta le mie serate prima di addormentarmi! E' stata la mia prima creazione e quindi è sicuramente un pò rude!




Immagino sia emozionante ripensare alle prime creazioni, a quando si era alle prime armi, ma sempre trasportate dall'onda travolgente della passione. Come pensi che funzionino queste cose? Si può imparare a fare qualcosa con tecnica e costanza, o esiste un ingrediente "magico", insito, che permette la "creazione" e senza il quale è impossibile imparare un'arte a dovere?

La tecnica e i corsi aiutano chi non ha le basi del disegno o chi non ha mai preso un pennello nella sua vita ma ha comunque la voglia di imparare, questo certamente e sarei presuntuosa a dire il contrario! Ma voglio anche dire che certe cose devono uscire dal cuore, devono essere strutturate dalla mente e infine guidate dalla mano! Il cuore deve essere inondato di una passione senza eguali, deve essere più forte delle cattiverie della gente, la mente crea con la fantasia e la mano deve essere abbastanza ferma da fare ciò che la mente ordina! E' il corpo stesso che ti permette di creare e non solo la mente...tutta sei indirizzata verso una meta... VOLERE FORTEMENTE E PROVARE I BRIVIDI MENTRE SI CREA... questi sono gli ingredienti. Non ho frequentato corsi intensivi se non per capire i colori... ma ho sempre disegnato dall'età di 3 anni sulle vetrate del mio asilo, ho creato con la plastilina e con il das, ho dipinto rozzi quadri ma ho sempre fatto tutto questo e amato la storia dell'arte sin dalle scuole medie! Se hai una passione sfrenata sei guidata inevitabilmente verso quella meta in tutte le cose che fai!
Vedi quella sicurezza che non hai in altri campi, vedi la tua mano ferma e sicura scivolare tra le bianche pareti di una tela, e sai di essere nata per quello! Se poi la vita ti mette alle strette e sai di dover fare altro per mangiare, allora lo fai, ma non butterai tutto questo nel dimenticatoio come ho fatto io coi libri di giurisprudenza! Questa è passione e non c'è altro modo per descriverlo!




Mi trovi assolutamente d'accordo con tutto ciò che hai detto! La passione è quell'ingrediente fondamentale, che tuttavia non si può "apprendere" se non direttamente dal proprio cuore, da dove è nato. Ti solletica la fantasia e non ti lascia in pace finché non hai "dato" attraverso la creazione. Ed è vero, saremo anche un po' un "miscuglio" tra ciò che ci piace fare e ciò che spesso dobbiamo essere, ma tu come sempre ci insegni che si può anche essere ciò che ci piace, con un po' di pazienza e costanza. Per tornare al tema del tuo lavoro, sono curiosa di sapere qual è stato il complimento più bello che hai ricevuto sinora relativamente alle tue creazioni, quello che hai apprezzato di più.

Ah bhe tanti e sono davvero contenta di questo! Sicuramente il complimento più grande che spesso mi fanno tanto è "artista!...in realtà non mi sento tale ecco perchè arrossisco quando mi dicono che lo sono e poi l'ultimo di una ragazza che ha trovato i miei lavori "esageratamente belli", altri ancora che sono " versatile", ecco forse questo è quello a cui credo di più!!! ;)



Prima di concludere, vorrei ricordare ai lettori che non ti occupi solo di pittura e decorazione, ma fai anche restyling di mobili - come hai accennato un po' più su. Ci vuoi dire quali sono le tecniche che utilizzi di più, che cosa si può portare "a nuova vita" e in che modo lo fai?

Sì vero, mi occupo di restyling e decorazione di vecchi mobili o di mobili grezzi! Io sono appassionata di uno stile nato in America grazie alla designer americana Raschell Ascwell, lo " shabby chic" letterlamente " trasandato elegante". In pratica si tratta di uno stile che abbraccia non solo i mobili in sè ma tutto ciò che riguarda l'arredamento. E' uno stile che mette due mondi in contrasto, il mondo del vecchio e le forme dell'elegante! In occasione dell'arredamento della nostra futura casa, io e il mio ragazzo ci siamo innamorati a tal punto di questo stile che ho voluto imparare da me la tecnica girovagando per internet e mettendomi alla prova su vecchi mobili che avevo in casa. La prima cavia è stata una sedia dalle forme sinuose, poi più in là ho decorato in questo stile anche mobili di altre persone come questa credenza che vedete qui...


Questa decorazione consta di diverse fasi, dalla carteggiatura, alla prima mano di gesso, alla stesura del colore che vogliamo si intravedi, alla stesura del colore principale. In seguito si crea con la paglietta d'acciaio la scorticatura che vogliamo in base ai nostri gusti e infine dopo aver passato la finitura effetto opaco e cera, si passa la patina invecchiante del colore che vogliamo! Ancora dopo finitura e una passata di cera anti graffio! C'è tanto lavoro dietro se fatto a mano ed è per questo che in giro i prezzi di questi mobili sono esagerati!!!




In realtà quasi nessuno li decora più a mano e si utilizzano spray a compressione... io non amo "spruzzare" il colore, mi piace stenderlo e mi piace che si intravedi la pennellata perchè questa sarà utile nel momento in cui si passa la patina dopo, perchè è questa che insinuandosi nelle fitte pennellate, darà l'effetto del trasandato come lo shabby richiede! Lo chic lo darà l'arredamento e il contesto finale. Abbinabile anche allo stile d'arredamento "Vintage" regalerà ai vostri ambienti un'originalità e autenticità senza eguali!!!




Benissimo Daniela, direi che sei stata più che chiara ed esaustiva, e siamo felici di aver potuto conoscere alcune delle tue nuove creazioni! So che ne hai realizzate tantissime altre, e infatti vorrei invitare i lettori a fare un salto sulla tua pagina ufficiale di FB [cliccate qui per la pagina FB] che è sempre aggiornata con foto e novità!
Prima di salutarci, ti domando infine da dove deriva il nome che hai dato alla tua attività, HANUL.

HANUL è un nome scritto al contrario. Se leggete da destra a sinistra infatti leggerete Luna. La h è messa lì semplicemente per musicalità e per evitare strane " ambiguità" ;) !!!
Luna perchè sin da piccolina ho amato questa forma della mezzaluna come una matta a tal punto che la riproducevo sui banchi di scuola in continuazione, sui quaderni, dappertutto. Ho chiamato me stessa Luna in molte occasioni in cui mi presentavo ai maschietti!!!! la adoro perchè è dotata di un romanticismo e di una voglia di assoluto senza paragoni... sono cose a cui aspiro e che fanno parte di me. La Luna è romantica, sublime e suggestiva ed io la amo per questo!



Grazie per essere stata con noi e speriamo di poterti avere nuovamente ospite quanto prima, per parlare di qualche altra interessante novità!

Grazie a te di nuovo per la bellissima e lunga intervista che hai confezionato per me... sarò quando vuoi onorata ospite del tuo interessante e giovanissimo Blog!!! Ciao a tutti i tuoi lettori e non!




Pagina ufficiale HANUL su Facebook ---> http://www.facebook.com/pages/Hanul-Pittura-e-Decorazione/162309997189420



NON PERDETEVI IL GIVEAWAY IN ARRIVO DOMANI SULLA PAGINA HANUL: in palio premi realizzati da Daniela! :)






______________________________
Per rispondere a un'intervista, scrivetemi: alamuna@gmail.com



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Cerca per argomento

0111 edizioni (23) accessori (20) accessori dipinti a mano (9) acquisti (28) amore (4) Angela Bianchini (3) animali (3) annunci (1) Anteprime di libri (25) arte (32) Artesottoilsole (1) Associazione Adolescenti e cancro (1) Associazione culturale G.a.i.a. (10) Associazione Un Ponte per Anne Frank (1) autori (85) autori emergenti (27) autori esordienti (68) autunno (5) Avon (1) Avvisi (2) Beauty (2) bellezza (4) benessere (3) Biennale del Salento (1) borse (12) borse dipinte a mano (3) Bottega Verde (2) Braccialini (1) Butterfly Edizioni (11) cani (2) case editrici (7) categorie maschili (3) cazzate varie (69) Chick-lit (2) Cinema (1) Città del Libro 2012 (2) community (1) concorsi (5) Corsi di scrittura (1) cose di cui non te ne può fregar de meno (77) cose mie (132) cose strane (5) creatività (7) curiosità (13) Desigual (7) di tutto e un po' (86) dipinti (6) diritti d'autore (2) Divagazioni (2) domande su Blogger o Blog (1) donne case e disastri (16) e-book (3) Emily Dickinson (1) Estratti (2) eventi (6) Facebook (1) Fai bei sogni (1) Famiglia (1) film e cortometraggi (1) Film e recensioni (6) Filosofia (1) Fotografia (4) fotografie (32) giochini (5) Giveaway (16) Gli oleandri (1) H&M (1) Hanùl (17) Haruki Murakami (1) I vostri racconti! (1) idee abbigliamento (16) idee capelli (7) Il Blog (11) Il Giorno della Memoria (1) Il salotto di Simo (136) Ilaria Goffredo (2) illustrazioni (1) immagini (8) Inglese (1) Insegnamento (2) Inside Out (1) interviste (64) Invia il tuo racconto! (13) Jeans e cioccolato (32) L'ultimo tramonto a Bangkok (2) La bottega dei libri incantati (2) La Fornace (3) Le Chat Gourmand (1) Le labbra tue sincere (1) Le nostre distanze (3) Lecce (2) Lecceprima (1) leggere (6) Leonid Afremov (3) Letteratura (6) Lezioni di arabo (2) libri (137) Link utili (1) Lo sapevate che... (5) lugubrazioni mentali (31) Massimo Gramellini (1) Maurizio Monte (2) Milano (5) Mille vie fino a te (2) mostre (4) Musicoterapia (1) Natale (7) Never let me go (1) Non c'è nulla di ordinario nell'ordinario (1) novità (34) nullezze (35) ordini online (5) pagine dal vento (48) Passo Domani (3) Perugia (4) Pittura (7) Poesia (1) poesie (23) Poesie e racconti d'autore (2) portafogli dipinti a mano (2) Premiazioni (11) presentazioni letterarie (4) primavera (1) promozione (76) propositi di vita (39) psicologia (1) pubblicare (68) pubblicità (27) Puglia (1) Puuung (1) Quel ridicolo pensiero (14) Racconta la tua storia e vinci un premio (4) racconti (28) racconti di vita quotidiana (26) recensioni (39) ricordi (9) riflessioni (52) risate (6) romanzi d'esordio (57) Salento (1) Salman Rushdie (1) Sara Rattaro (1) scarpe (1) Scrittura (4) scrivere (53) Scuola (4) Segnalazioni (25) Shaila (1) Simona Giorgino (13) Sondaggi (2) Sophie Kinsella (6) storie di attualità (4) storie di ordinaria follia (74) studiare (2) Teatro (1) TFA (1) Thomas Kinkade (1) Tiziana Iaccarino (3) Toscana (1) Traduzioni (1) università (4) viaggi e partenze (19) video (6) vita (15) www.hanulstyle.com (3)

Archivio blog