Scritta scorrevole

"Go as far as you can see, when you get there, you'll be able to see further" (T. Carlyle)

Informazioni personali

La mia foto
Insegnante di inglese, ama gli animali, vive in simbiosi con il suo Pinscher nano, adora la fotografia, ha una relazione difficile e duratura con lo shopping, e nutre una profonda passione per la scrittura. Scrive da sempre e ogni tanto pubblica. Il suo blog è un ampio rifugio in cui condivide passioni, letture, divagazioni, curiosità, riflessioni e in cui prova a dare un piccolo spazio all’Arte e a promuovere idee o iniziative degne di nota. Ha pubblicato: “Jeans e cioccolato”, “Quel ridicolo pensiero”, “Shaila” (0111 Edizioni), “Mille vie fino a te” (rivista letteraria La Fornace, n.10).

domenica 17 marzo 2013

Qual è il tuo atteggiamento nei confronti degli e-Book?

Che atteggiamento hanno, in linea generale, i lettori del mio blog nei confronti dei libri in formato elettronico/digitale (e-book)?

Non lo saprò mai :P, ma so per certo che 27 persone passate da qui (per puro caso o perché probabilmente assidui frequentatori del blog) hanno contribuito a farmi conoscere la loro opinione rispondendo al sondaggio del mese che si è chiuso giusto oggi.

Clicca sull'immagine per ingrandirla.


Questo sondaggio è rimasto aperto per circa un mese o poco più. Ero curiosa di conoscere l'opinione di altri lettori sugli e-book.

Le opzioni di risposta erano:
- Non ne ho mai letti e mai ne leggerò: non riesco a digerirli!
- Ne leggo un sacco! Adoro gli e-book!
- Non possiedo un e-book reader ma mi piacerebbe averne uno.
- Il libro cartaceo resta sempre al top, ma appena posso leggo anche gli e-book.
- Compro gli e-book perché li trovo economici, comodi, facili da reperire.
- E-book o libri di carta non fa differenza, l'importante è leggere.
- Preferisco spendere un po' di più, ma annusare l'odore della carta stampata!

Dai 27 voti ricevuti posso notare che ancora una buona parte di lettori (la maggioranza, con il 48% derivato da ben 13 voti) preferisce di gran lunga spendere un po' di più per leggere un libro cartaceo, per poter sentire quell'insostituibile sensazione che effettivamente è solo un libro vero a darti: l'odore della carta, il fruscio delle pagine, la ruvidezza o la morbidezza della copertina, e tutte le altre caratteristiche fisiche dei libri cartacei.

Tre persone (3 voti, 11%) hanno risposto che non si sognerebbero mai di leggere e-book, che non riescono a digerirli, e altre tre persone (ancora un 11%) affermano di non possedere ancora un e-reader ma che ne desiderano uno, e sono quindi favorevoli, tutto sommato, alla lettura digitale. 

Una buona parte (6 voti, 22%) dichiara di mantenere sempre una certa preferenza per il cartaceo, ma che se capita l'occasione di leggere un e-book non si tira affatto indietro.

Una sola persona dichiara di leggere moltissimo gli e-book, due altri lettori dichiarano di trovare gli e-book economici, comodi e facili da reperire e, infine, due altri lettori affermano che l'importante è leggere, indipendentemente dal fatto che lo si faccia con un libro di carta o con un libro digitale.

Dunque dunque dunque. Sono contenta di discutere i risultati di questo sondaggio perché negli ultimi mesi anche la sottoscritta si è ritrovata a cambiare rapidamente e facilmente opinione nei confronti degli e-book. Sono stata una di quelle che all'inizio sembravano decisamente restie, poi hanno incominciato pian pianino a leggere e-book sul PC, per finire irrimediabilmente a farsi regalare il famoso e-reader e accumulare centinaia di libri digitali nel giro di poche settimane.

In realtà non ricordo di aver mai detestato gli e-book. Quando mi capitava l'occasione ne leggevo sul PC, sebbene questo avvenisse con particolare rarità, forse proprio perché il PC rende decisamente pesante la lettura (suggerisco infatti di non valutare gli e-book senza aver provato a leggerli su un supporto specializzato: il PC non lo è!). Da quando ho ricevuto in regalo, a gennaio scorso, un agognato e-book reader, sono diventata anch'io un'assidua lettrice digitale. 
Io e il mio e-reader viviamo praticamente in simbiosi. Riesco a reperire facilmente e comodamente gli e-book e così la mia libreria virtuale negli ultimi mesi è lievitata in maniera impressionante. Libri che magari in libreria costavano un bel popo' di euro e che sono stata spesso costretta a ignorare e lasciare fra gli scaffali dei librai ora sono comodamente adagiati nel mio e-reader in formato e-pub/pdf o mobi. 
È come un libro. E va bene, non esattamente. Anch'io nutro una forte preferenza per il libro di carta e quando finisco di leggere un e-book mi capita di pensare "quanto mi piacerebbe averlo in cartaceo, qui, in mezzo alla mia libreria vera, e poterlo guardare e toccare dal vivo, e metterlo in mezzo agli altri incrementando la mia collezione", ok, mi capita di pensarlo, ma sono sincera: questa sensazione passa in secondo piano, perché in primo piano si piazza la felicità d'aver comunque letto quel libro. 


Pregi dell'e-reader secondo me.

È sottile, leggero, le dimensioni sono esattamente quelle di un libro vero, ma anziché una sola storia, l'e-reader può contenerne... centinaia, migliaia! In un solo e-reader puoi caricare migliaia di file! 
Puoi portarlo sempre in borsa, anche quando stai leggendo un mattone di mille pagine... 
Puoi zoomare la pagina, rendere le scritte grandi o piccole a tuo piacimento per non avere problemi alla vista. Gli e-reader sono retro-illuminati, il che vale a dire che non creano problemi agli occhi, puoi leggere quanto e dove vuoi. 
Inutile menzionare il fatto che puoi comodamente andare indietro e avanti per le pagine con le freccette, vero? E che si possono comodamente mettere i segnalibro che registrano la pagina dove ti sei fermato?
Un e-book costa effettivamente molto di meno (tranne qualche piccolo editore che stabilisce prezzi impressionanti anche per gli e-book, ma in linea di massima i costi non sono altissimi) e lo puoi reperire strafacilmente in Internet, senza uscire di casa, con un semplicissimo CLICK. Lo scarichi ed è tuo nell'arco di... un secondo.
Alcuni potrebbero dire: questo non è assolutamente paragonabile al piacere di mettere piede in una libreria, annusare quel piacevole odore di carta e di libri, girare per gli scaffali, guardare le copertine dal vivo, voltare le pagine, perderci anche le ore alla ricerca del libro che ti porterai a casa. E avrebbero ragione, ma io risponderei: chi lo dice che possedere un e-reader significhi non mettere più piede in libreria? Io, per esempio, amo - grazie al mio amour e-reader - riuscire a reperire con tale semplicità un mare di e-book, ma quando vado a letto, la sera, sotto le coperte, è assolutamente indispensabile leggere un libro cartaceo. Non tradisco il libro di carta per l'e-book, né potrei giammai rinunciare al piacere di entrare in una libreria e scegliere il mio libro di carta fra gli scaffali. Sono una persona moderna e contemporanea, sono un'internauta, era inevitabile, penso io, che prima o poi sarei caduta nella trappola delle letture digitali (sì, ci sono caduta e ne sono molto contenta!), ma rimango ancora innamorata dei libri di carta e continuerò ad acquistarne. 

E poi mi chiedo anche un'altra cosa: la qualità di un testo, di un racconto, di un romanzo, di un libro, dipende dal mezzo fisico attraverso cui lo si legge, o è una peculiarità indipendente da questo? Io posso apprezzare di più un testo se lo leggo in cartaceo e esserne invece delusa se lo leggo in digitale? 
Concluderei dicendo, per quanto mi riguarda: sebbene la sensazione fisica di avere un libro vero in mano non potrà mai essere sostituita da quella di leggere in e-book, la lettura, secondo me, dovrebbe andare al di là dei mezzi fisici attraverso cui avviene. L'importante è leggere, penso io. Be', se avessi votato al sondaggio, mi sarei unita a quelle due sole persone che hanno votato: e-book o libri di carta non fa differenza, l'importante è leggere. E così siamo in tre. :)

Avrei anche risposto che leggo molti e-book, che li trovo economici e comodi da reperire e che, sebbene il libro cartaceo resti al top, appena posso (ora praticamente sempre) leggo e-book. Ma credo che la bellezza della lettura non sia affatto danneggiata dal mezzo digitale: quando un libro vale o piace davvero ti rapisce i sensi, e non avresti neanche il tempo di lasciarti influenzare dal mezzo fisico! 


Difetti dell'e-reader secondo me.

Difetti? Mmmmm.
Un difetto è sicuramente questo: non poter prendere appunti, non poter sottolineare con una matita. Lo faccio spesso sui libri di carta, sottolineo le frasi che mi sembrano più belle, che vale la pena annotare o ricordare, a volte, mentre leggo, mi vengono in mente idee di ogni genere, perfino trame per eventuali romanzi, ed ecco lì a scrivere una nota o un appunto ai piedi della pagina. Questo mi manca, non posso farlo sull'e-reader. Ora, non so se esistono e-reader estremamente moderni e tecnologici che permettono anche di fare questo, ma il mio non lo fa :P!
Un aspetto che sarebbe dovuto rientrare nei difetti era questo: la batteria. Quando volevo l'e-reader e quando poi l'ho ottenuto avevo paura che la batteria mi abbandonasse nel bel mezzo di una lettura. Ho la fobia delle batterie. Quando uso la macchina fotografica o la telecamera, per esempio, capita spesso e volentieri che nel bel mezzo di un tour fotografico o di una ripresa la batteria mi lasci a terra. Avevo esattamente lo stesso timore per l'e-reader. Pensavo che avrei dovuto preoccuparmi per la batteria, che mi avrebbe lasciato sicuramente nel bel mezzo di qualche lettura, magari nel momento cool della storia, come un libro di carta non potrebbe invece mai fare. Invece NO. Non è mai successo. La batteria è talmente resistente che - che mi crediate o no - da quando l'ho ricevuto l'avrò ricaricata sì e no due-tre volte. Eppure capita che io ci spenda anche le ore su quell'aggeggio! 

MORALE: I love e-books! :)




Simona




2 commenti:

  1. o gli ebook non riesco a leggerli bene... nel senso che salto le frasi e poi il display del pc mi da fastidio agli occhi dopo un pò.. invece di rilassarmi mi stresso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti per questo io suggerisco di NON leggere gli e-book sul PC! non è una bella esperienza e ti fa passare l'interesse verso gli e-book. Invece prova a leggerli sugli e-reader, è tutta un'altra cosa! :)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Cerca per argomento

0111 edizioni (23) accessori (20) accessori dipinti a mano (9) acquisti (28) amore (5) Angela Bianchini (3) animali (3) annunci (1) Anteprime di libri (25) Arredamento e idee casa (1) arte (32) Artesottoilsole (1) Associazione Adolescenti e cancro (1) Associazione culturale G.a.i.a. (10) Associazione Un Ponte per Anne Frank (1) autori (85) autori emergenti (27) autori esordienti (68) autunno (5) Avon (1) Avvisi (2) Beauty (2) bellezza (4) benessere (3) Biennale del Salento (1) borse (12) borse dipinte a mano (3) Bottega Verde (2) Braccialini (1) Butterfly Edizioni (11) cani (2) case editrici (7) categorie maschili (3) cazzate varie (69) Chick-lit (2) Cinema (1) Città (6) Città del Libro 2012 (2) community (1) concorsi (5) Corsi di scrittura (1) cose di cui non te ne può fregar de meno (77) cose mie (132) cose strane (5) creatività (8) curiosità (13) Desigual (7) di tutto e un po' (86) dipinti (6) diritti d'autore (2) Divagazioni (2) domande su Blogger o Blog (1) donne case e disastri (16) e-book (3) Emily Dickinson (1) estate (1) Estratti (2) eventi (6) Facebook (1) Fai bei sogni (1) Famiglia (1) film e cortometraggi (1) Film e recensioni (6) Filosofia (1) Fotografia (4) fotografie (32) Giardini fioriti (1) giochini (5) Giveaway (16) Gli oleandri (1) H&M (1) Hanùl (17) Haruki Murakami (1) I vostri racconti! (1) idee abbigliamento (16) idee capelli (7) Il Blog (11) Il Giorno della Memoria (1) Il salotto di Simo (136) Ilaria Goffredo (2) illustrazioni (1) immagini (8) Inglese (1) Insegnamento (3) Inside Out (1) interviste (64) Invia il tuo racconto! (13) Jeans e cioccolato (32) L'ultimo tramonto a Bangkok (2) La bottega dei libri incantati (2) La Fornace (3) lavoro (1) Le Chat Gourmand (1) Le labbra tue sincere (1) Le nostre distanze (3) Lecce (2) Lecceprima (1) leggere (6) Leonid Afremov (3) Letteratura (6) Lezioni di arabo (2) libri (137) Link utili (1) Lo sapevate che... (5) lugubrazioni mentali (31) Massimo Gramellini (1) Maurizio Monte (2) Milano (8) Mille vie fino a te (2) mostre (4) Musicoterapia (1) Natale (7) Never let me go (1) Non c'è nulla di ordinario nell'ordinario (1) novità (34) nullezze (35) ordini online (5) pagine dal vento (51) Parchi (1) Passo Domani (3) Perugia (4) Pittura (7) Poesia (1) poesie (23) Poesie e racconti d'autore (2) portafogli dipinti a mano (2) Premiazioni (11) presentazioni letterarie (4) primavera (1) promozione (76) propositi di vita (40) psicologia (1) pubblicare (68) pubblicità (27) Puglia (1) Puuung (1) Quel ridicolo pensiero (14) Racconta la tua storia e vinci un premio (4) racconti (28) racconti di vita quotidiana (26) recensioni (39) ricordi (11) riflessioni (53) risate (6) romanzi d'esordio (57) Salento (1) Salman Rushdie (1) Sara Rattaro (1) scarpe (1) Scrittura (4) scrivere (53) Scuola (6) Segnalazioni (25) Sentimenti (1) Shaila (1) Simona Giorgino (13) Sondaggi (2) Sophie Kinsella (6) storie di attualità (4) storie di ordinaria follia (74) studiare (2) Teatro (1) TFA (1) Thomas Kinkade (1) Tiziana Iaccarino (3) Toscana (1) Traduzioni (1) università (4) Verde (1) viaggi e partenze (20) video (6) vita (18) www.hanulstyle.com (3)

Archivio blog