Scritta scorrevole

"Go as far as you can see, when you get there, you'll be able to see further" (T. Carlyle)

Informazioni personali

La mia foto
Insegnante di inglese, ama gli animali, vive in simbiosi con il suo Pinscher nano, adora la fotografia, ha una relazione difficile e duratura con lo shopping, e nutre una profonda passione per la scrittura. Scrive da sempre e ogni tanto pubblica. Il suo blog è un ampio rifugio in cui condivide passioni, letture, divagazioni, curiosità, riflessioni e in cui prova a dare un piccolo spazio all’Arte e a promuovere idee o iniziative degne di nota. Ha pubblicato: “Jeans e cioccolato”, “Quel ridicolo pensiero”, “Shaila” (0111 Edizioni), “Mille vie fino a te” (rivista letteraria La Fornace, n.10).

martedì 3 gennaio 2012

Promozione del proprio libro: prime ipotesi

Cosa fare una volta uscito il libro? Pubblicità, ovviamente. Ed è la cosa più difficile in assoluto!
Ok. Abbiamo creato il nostro bel profilo FB, abbiamo creato la nostra bella pagina, abbiamo aperto il nostro bel blog e/o sito e ora aspettiamo che il successo ci caschi addosso come una pera  matura da un albero. Sbagliato. Questi mezzi sono necessari, ma purtroppo fare pubblicità è qualcosa di più. A parte che io credo che non riuscirò mai e poi mai a farmene abbastanza (ma è pur sempre un mio diritto fantasticare!).
Tralasciando FB e compagnia bella, booktrailer da diffondere su YouTube e sui social network, parliamo qui di un altro tipo di pubblicità.
Inutile dire che se hai conoscenze, farai strada senza dubbio. Senza le conoscenze, ti devi rimboccare un po' di più le maniche e alla fine non è detto che ce la farai, ma ci avrai almeno provato. 
Giornali locali, comunicati stampa, se riesci a infilarti in qualche radio o TV locale per una breve intervista (che dura 5 secondi a numero col rischio che in quei secondi siano tutti al bagno e non ti abbiano neppure sentita), sono cose che aiutano moltissimo.
A volte, però, ci si limita alle presentazioni (non una, ma più di una in luoghi diversi).
Presentazione del proprio libro, dunque: prima o poi dovrò incominciare a pensarci seriamente! Mancano 4 mesi alla pubblicazione ufficiale del mio romanzo, ma se si vuole fare qualcosa di "serio" (per serio intendo una presentazione, volendo, presso una libreria) suppongo si debba "prenotare" l'evento un po' prima! Già le librerie non sono così malleabili nei confronti degli esordienti, figuriamoci ridursi agli ultimi giorni! 
Per cominciare, non è affatto facile per un esordiente (= persona dall'identità dubbia e sconosciuta) essere preso in considerazione da una libreria. Ovviamente anche in questo caso vale la regola del "tentar non nuoce" (noi possiamo comunque passare a parlarne, magari quel giorno troviamo il titolare di buon umore!), ma nel caso (possibilissimo) in cui le librerie ci chiudessero le porte in faccia, vorrei qui ricordare che ci sono altri modi per presentare il proprio libro. Ci scommetto che ci abbiate già pensato, ma mi diverte comunque scriverne un post!
La libreria non ci vuole, chissenefrega (va be', non esattamente chissenefrega, una presentazione presso una libreria sa più di "serio e professionale"), la presentazione ce la facciamo da noi!

La prima cosa che mi viene in mente è: un locale. Affitti un localino (se hai un parente che ne ha uno meglio ancora, così risparmi anche i solducci dell'affitto!), ci metti dentro un  tavolo con del buffet, ci inviti gli amici, i parenti, un paio di settimane prima diffondi inviti o locandine affinché possano affluire anche persone non appartenenti alla tua cerchia di conoscenti, sistemi un palchetto e ti procuri un relatore (se vuoi proprio fare le cose serie) che ti presenti e ti passi la parola, e il gioco è fatto. Non è una cattiva idea! È un modo divertente per presentare il proprio libro. Anzi, io ci spezzo decisamente una lancia a favore: le presentazioni di libri (quelle serie) spesso risultano noiose a molti (consideriamo liberamente e senza stupore che di lettori non è che ce ne siano poi tanti in realtà, molta gente non si sognerebbe mai di piazzarsi a una presentazione letteraria se non portandosi appresso un coltello per tagliarsi le vene al momento giusto). Aggiungendoci un buffet (al cibo - per giunta gratis - nessuno dice no!), della bella musica e magari qualche altro genere di intrattenimento (chi più ne ha più ne metta - l'importante è che non vi venga in mente di organizzare il gioco della bottiglia - che poi in realtà non sarebbe mica male!) la serata non è più noiosa, e la gente magari potrebbe decidere di rimanere ad oltranza invece di alzarsi dopo 5 minuti di discorso e abbandonare il campo bestemmiando contro la nostra persona per il resto della serata. 

In alternativa a librerie e buffet-fai-da-te, ci sono gli Assessorati alla Cultura dei nostri comuni che a volte guardano di buon occhio questo genere di manifestazioni e potrebbero decidere di accettarti! E' un'idea da tenere assolutamente in mente quando si pensa alla presentazione del proprio libro.

In questo campo, fortunatamente, non ci sono regole particolari, se non quella di farsi venire una fervida immaginazione. Ci si può inventare di tutto per presentare il proprio libro (possibilmente senza cadere nel demenziale) e anche senza spendere molto. L'importante è non fermarsi, continuare, perché la voce di una pubblicazione non si diffonde nel giro di due giorni, ma ci vuole tempo, pazienza, mattone su mattone...
Chi ha avuto più successo, non sarà stato certamente con una sola presentazione, suppongo. Sono tante cose messe insieme che rendono il libro commerciabile e ben pubblicizzato. 

Io non so ancora come mi muoverò, so solo che sto incominciando a pensarci. Ho in mente qualche parola sconnessa tipo: buffet, locale, locandina, parenti+amici, persone sconosciute, microfono, palco, bancone con i libri, dedica, musica, librerie, interviste, recensioni, volantini. 
Probabilmente non arriverò proprio da nessuna parte, ma è così bello fantasticare un po'!



5 commenti:

  1. ciao cara ho letto del tuo blog tramite una mia cara amica blogger
    volevo farti i complimenti per il tuo lavoro ti seguirò con interesse
    passa a trovarmi, mi farebbe molto piacere.
    Visto che sei una scrittrice e so quanto sia difficile questo mondo ti faccio un grosso in bocca a lupo e se avessi bisogno di un illustratrice sono a tua disposizione;)
    http://www.facebook.com/pages/Giorgia-Di-Giorgio-Gallery/164586543552230?ref=ts


    la mia pagina su fb

    RispondiElimina
  2. Chi si ferma è perduto! Bisogna sempre andare avanti come Caterpillar... prima o poi si arriva alla meta!
    Buona serata. Laura.

    RispondiElimina
  3. @Giorgia: Ti ringrazio per essere passata, ho ricambiato l'amicizia e sarò felice di seguirti!
    @Laura: hai più che ragione: non bisogna fermarsi, a volte è solo questione di tempo... Grazie.

    RispondiElimina
  4. Ciao! Certo, la pubblicità è assolutamente fondamentale e l'unione blog Fb è certamente un buon inizio.
    Meglio girare qualche libreria dove poter promuovere e promuoverti! Penso che la casa editrice possa consigliarti ancora di più!
    Io inizio ad essere curiosa :D
    Si può almeno sapere che genere è!?

    RispondiElimina
  5. Certamente! Mi dispiace di "tenervi sulle spine", ma vorrei iniziare a parlarne non appena sarà pronto il file, per farvelo vedere già completo di copertina e di tutto :). Comunque certo che si può sapere di che genere è: è un romanzo ironico, divertente, sentimentale, attuale... con una protagonista alla quale certamente non manca il senso dell'umorismo! Insomma un romanzo di "buona compagnia", spero io! :)
    Grazie ancora per il tuo interesse.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Cerca per argomento

0111 edizioni (23) accessori (21) accessori dipinti a mano (9) acquisti (29) amore (4) Angela Bianchini (3) animali (3) annunci (2) Anteprime di libri (25) arte (33) Artesottoilsole (1) Associazione Adolescenti e cancro (1) Associazione culturale G.a.i.a. (10) Associazione Un Ponte per Anne Frank (1) autori (85) autori emergenti (27) autori esordienti (68) autunno (5) Avon (2) Avvisi (2) Beauty (3) bellezza (5) benessere (3) Biennale del Salento (1) borse (12) borse dipinte a mano (3) Bottega Verde (2) Braccialini (1) Butterfly Edizioni (11) cani (2) case editrici (7) categorie maschili (3) cazzate varie (70) Chick-lit (2) Cinema (1) Città del Libro 2012 (2) community (1) concorsi (5) Corsi di scrittura (1) cose di cui non te ne può fregar de meno (77) cose mie (136) cose strane (5) creatività (7) curiosità (15) Desigual (7) di tutto e un po' (88) dipinti (6) diritti d'autore (2) Divagazioni (2) domande su Blogger o Blog (1) donne case e disastri (16) e-book (3) Emily Dickinson (1) Estratti (2) eventi (6) Facebook (1) Fai bei sogni (1) Famiglia (1) film e cortometraggi (1) Film e recensioni (6) Filosofia (1) Fotografia (4) fotografie (32) giochini (5) Giveaway (16) Gli oleandri (1) H&M (1) Hanùl (17) Haruki Murakami (1) I vostri racconti! (1) idee abbigliamento (17) idee capelli (7) Il Blog (14) Il Giorno della Memoria (1) Il salotto di Simo (139) Il Salotto di Simo su YouTube (2) Ilaria Goffredo (2) illustrazioni (1) immagini (8) Inglese (2) Insegnamento (2) Inside Out (1) interviste (64) Invia il tuo racconto! (13) Jeans e cioccolato (32) L'ultimo tramonto a Bangkok (2) La bottega dei libri incantati (2) La Fornace (3) Le Chat Gourmand (1) Le labbra tue sincere (1) Le nostre distanze (3) Lecce (2) Lecceprima (1) leggere (6) Leonid Afremov (3) Letteratura (6) Lezioni di arabo (2) libri (138) Link utili (1) Lo sapevate che... (7) lugubrazioni mentali (31) Massimo Gramellini (1) Maurizio Monte (2) Milano (5) Mille vie fino a te (2) mostre (4) Musicoterapia (1) Natale (7) Never let me go (1) Non c'è nulla di ordinario nell'ordinario (1) novità (39) nullezze (35) ordini online (5) pagine dal vento (49) Passo Domani (3) Perugia (4) Pittura (7) Poesia (1) poesie (23) Poesie e racconti d'autore (2) portafogli dipinti a mano (2) Premiazioni (11) presentazioni letterarie (4) primavera (1) promozione (79) propositi di vita (40) psicologia (1) pubblicare (68) pubblicità (28) Puglia (1) Puuung (1) Quel ridicolo pensiero (14) Racconta la tua storia e vinci un premio (4) racconti (28) racconti di vita quotidiana (26) recensioni (39) ricordi (9) riflessioni (54) risate (6) romanzi d'esordio (57) Salento (1) Salman Rushdie (1) Sara Rattaro (1) scarpe (2) Scrittura (4) scrivere (53) Scuola (4) Segnalazioni (25) Shaila (1) Simona Giorgino (13) Sondaggi (2) Sophie Kinsella (6) storie di attualità (4) storie di ordinaria follia (76) studiare (2) Teatro (1) TFA (1) Thomas Kinkade (1) Tiziana Iaccarino (3) Toscana (1) Traduzioni (1) università (4) viaggi e partenze (19) video (6) virus (1) vita (16) www.hanulstyle.com (3) YouTube (2)

Archivio blog