Scritta scorrevole

"Go as far as you can see, when you get there, you'll be able to see further" (T. Carlyle)

Informazioni personali

La mia foto
Insegnante di inglese, ama gli animali, vive in simbiosi con il suo Pinscher nano, adora la fotografia, ha una relazione difficile e duratura con lo shopping, e nutre una profonda passione per la scrittura. Scrive da sempre e ogni tanto pubblica. Il suo blog è un ampio rifugio in cui condivide passioni, letture, divagazioni, curiosità, riflessioni e in cui prova a dare un piccolo spazio all’Arte e a promuovere idee o iniziative degne di nota. Ha pubblicato: “Jeans e cioccolato”, “Quel ridicolo pensiero”, “Shaila” (0111 Edizioni), “Mille vie fino a te” (rivista letteraria La Fornace, n.10).

lunedì 16 marzo 2015

Se ne stanno a parlare per lunghe ore...

...senza arrivare a capo di niente. Si fanno mille domande, seguono con il pensiero lunghi percorsi tortuosi che passano per vie improbabili e inesplorate, e alla fine - puf - nelle mani solo un pugno di mosche. Perché sorridono allora, di fronte a questo vuoto nichilistico? Perché la loro anima si sente alleggerita? Si alzano dal tavolo, pagano il conto, su quante cose hanno cercato di far luce!: la vita meschina, l'incertezza del domani, come appaio ai tuoi occhi e come tu appari ai miei, cambiamenti negli anni, come vorresti morire, come vorresti vivere, che cosa c'è al di là della vita, sensazioni e percezioni impalpabili, contenuti onirici e contenuti emotivi. Sai? Vorrei che fosse estate, vorrei che fosse inverno, dimmi, dimmi pure, dimmi tutto quello che ti passa per la testa, senza paletti e senza freni, parlami apertamente di quello che provi, perché stringi così forte la mano in un pugno? C'è qualcosa che ti turba? Quale ricordo stai cercando di schiacciare in quel pugno? Perché digrigni i denti? Da quale rabbia vorresti liberarti? 
Poi si sentono appesantiti nello stomaco ma alleggeriti nel pensiero, e partono alla volta della città per lasciarsi risucchiare dal vortice umano, e tuffarsi con tutti i pensieri in un cocktail di rum e vodka. Sorridendo, parlando, vivacchiando. 
Sotto alle lenzuola, prima di addormentarsi, si rendono conto che i pensieri che vorticosamente girano nella testa sono sempre gli stessi, ma sono indolori, hanno una consistenza leggera, fanno voli delicati e infine si dileguano, incerti e sospesi, in un sonno tranquillo e pieno di sogni. Domani torneranno con mille interrogativi che verranno indagati, nuovamente, di fronte a una pizza, a un cocktail o a un televisore spento. Sai qual è la cosa più bella? Che siamo sempre qui a parlare, bla bla bla, e non arriviamo mai da nessuna parte. Ah ah ah, è troppo forte questa cosa. Eppure sto bene. Sto bene con te.


Dipinto di Peter Wever









Simona






Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Cerca per argomento

0111 edizioni (23) accessori (20) accessori dipinti a mano (9) acquisti (28) amore (5) Angela Bianchini (3) animali (3) annunci (1) Anteprime di libri (25) Arredamento e idee casa (1) arte (32) Artesottoilsole (1) Associazione Adolescenti e cancro (1) Associazione culturale G.a.i.a. (10) Associazione Un Ponte per Anne Frank (1) autori (85) autori emergenti (27) autori esordienti (68) autunno (5) Avon (1) Avvisi (2) Beauty (2) bellezza (4) benessere (3) Biennale del Salento (1) borse (12) borse dipinte a mano (3) Bottega Verde (2) Braccialini (1) Butterfly Edizioni (11) cani (2) case editrici (7) categorie maschili (3) cazzate varie (69) Chick-lit (2) Cinema (1) Città (6) Città del Libro 2012 (2) community (1) concorsi (5) Corsi di scrittura (1) cose di cui non te ne può fregar de meno (77) cose mie (132) cose strane (5) creatività (8) curiosità (13) Desigual (7) di tutto e un po' (86) dipinti (6) diritti d'autore (2) Divagazioni (2) domande su Blogger o Blog (1) donne case e disastri (16) e-book (3) Emily Dickinson (1) estate (1) Estratti (2) eventi (6) Facebook (1) Fai bei sogni (1) Famiglia (1) film e cortometraggi (1) Film e recensioni (6) Filosofia (1) Fotografia (4) fotografie (32) Giardini fioriti (1) giochini (5) Giveaway (16) Gli oleandri (1) H&M (1) Hanùl (17) Haruki Murakami (1) I vostri racconti! (1) idee abbigliamento (16) idee capelli (7) Il Blog (11) Il Giorno della Memoria (1) Il salotto di Simo (136) Ilaria Goffredo (2) illustrazioni (1) immagini (8) Inglese (1) Insegnamento (3) Inside Out (1) interviste (64) Invia il tuo racconto! (13) Jeans e cioccolato (32) L'ultimo tramonto a Bangkok (2) La bottega dei libri incantati (2) La Fornace (3) lavoro (1) Le Chat Gourmand (1) Le labbra tue sincere (1) Le nostre distanze (3) Lecce (2) Lecceprima (1) leggere (6) Leonid Afremov (3) Letteratura (6) Lezioni di arabo (2) libri (137) Link utili (1) Lo sapevate che... (5) lugubrazioni mentali (31) Massimo Gramellini (1) Maurizio Monte (2) Milano (8) Mille vie fino a te (2) mostre (4) Musicoterapia (1) Natale (7) Never let me go (1) Non c'è nulla di ordinario nell'ordinario (1) novità (34) nullezze (35) ordini online (5) pagine dal vento (51) Parchi (1) Passo Domani (3) Perugia (4) Pittura (7) Poesia (1) poesie (23) Poesie e racconti d'autore (2) portafogli dipinti a mano (2) Premiazioni (11) presentazioni letterarie (4) primavera (1) promozione (76) propositi di vita (40) psicologia (1) pubblicare (68) pubblicità (27) Puglia (1) Puuung (1) Quel ridicolo pensiero (14) Racconta la tua storia e vinci un premio (4) racconti (28) racconti di vita quotidiana (26) recensioni (39) ricordi (11) riflessioni (53) risate (6) romanzi d'esordio (57) Salento (1) Salman Rushdie (1) Sara Rattaro (1) scarpe (1) Scrittura (4) scrivere (53) Scuola (6) Segnalazioni (25) Sentimenti (1) Shaila (1) Simona Giorgino (13) Sondaggi (2) Sophie Kinsella (6) storie di attualità (4) storie di ordinaria follia (74) studiare (2) Teatro (1) TFA (1) Thomas Kinkade (1) Tiziana Iaccarino (3) Toscana (1) Traduzioni (1) università (4) Verde (1) viaggi e partenze (20) video (6) vita (18) www.hanulstyle.com (3)