Scritta scorrevole

"Go as far as you can see, when you get there, you'll be able to see further" (T. Carlyle)

Informazioni personali

La mia foto
Insegnante di inglese, ama gli animali, vive in simbiosi con il suo Pinscher nano, adora la fotografia, ha una relazione difficile e duratura con lo shopping, e nutre una profonda passione per la scrittura. Scrive da sempre e ogni tanto pubblica. Il suo blog è un ampio rifugio in cui condivide passioni, letture, divagazioni, curiosità, riflessioni e in cui prova a dare un piccolo spazio all’Arte e a promuovere idee o iniziative degne di nota. Ha pubblicato: “Jeans e cioccolato”, “Quel ridicolo pensiero”, “Shaila” (0111 Edizioni), “Mille vie fino a te” (rivista letteraria La Fornace, n.10).

sabato 12 dicembre 2015

L'esistenza ha un non so che di nostalgico già nel momento stesso in cui la vivi.

Alzo la testa dai libri, interrotta da un rumore: uno spadellare deciso in cucina. Non è il tuo, è quello di una nuova amica, in una casa posizionata lungo una strada incerta fra la fermata della metro e la scuola. Ci cammino di mattina, immersa in una nebbiolina fresca, pungente, grigia, che lascia assaporare lentamente la nascita del giorno. Il lungo viale, dapprima sconosciuto, inizia pian piano a prendere le fattezze di un amico: i soliti alberi arancioni che presto saranno completamente spogli, i soliti negozi sui lati, volti noti nella cartoleria, vicini di casa sempre uguali, vecchi tram che scivolano rumorosi sulle rotaie. La fisionomia della strada mi diventa familiare. Poi, alla curva, una distesa di chiome verdi immerse nella nebbia, al di là della quale non mi è dato sapere cosa si trova, perché la mia mente e il mio corpo si fermano prima, di fronte al cancello della scuola. Mi posiziono dapprima al grande tavolo rettangolare, dove assaporo la sensazione della novità e l'odore della carta, e lascio gli impegni farsi largo nella testa. E mentre la campanella annuncia che è già ora di entrare in classe, il sole sorge dietro ai palazzi, senza farsi notare, come un bacio schioccato segretamente da due adolescenti innamorati durante la ricreazione. 
C'è posto per ogni emozione, nessuna è esclusa. Perché la vita è questo: vivere ogni piccola cosa fino in fondo, lasciarsi travolgere da tutto quello che un umano è capace di provare. 
L'esistenza ha un non so che di nostalgico già nel momento stesso in cui la vivi. Sarà la consapevolezza della caducità, delle cose che passano e che non tornano. Sarà che, crescendo, la vita si popola di conseguenze note, di risultati prevedibili. Ho la sensazione tutta nuova che l'imprevedibile non sia il futuro, ma il presente. Accade così, senza preavviso, quando la vita che vivi non è più nella testa, ma nella realtà. Per il futuro c'è sempre spazio - nel fine settimana - ma il presente non ti lascia scampo. E mentre l'oggi accade, senti già un po' di nostalgia per quando, molto presto, diventerà domani.





Simona



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Cerca per argomento

0111 edizioni (23) accessori (21) accessori dipinti a mano (9) acquisti (29) amore (4) Angela Bianchini (3) animali (3) annunci (2) Anteprime di libri (25) arte (33) Artesottoilsole (1) Associazione Adolescenti e cancro (1) Associazione culturale G.a.i.a. (10) Associazione Un Ponte per Anne Frank (1) autori (85) autori emergenti (27) autori esordienti (68) autunno (5) Avon (2) Avvisi (2) Beauty (3) bellezza (5) benessere (3) Biennale del Salento (1) borse (12) borse dipinte a mano (3) Bottega Verde (2) Braccialini (1) Butterfly Edizioni (11) cani (2) case editrici (7) categorie maschili (3) cazzate varie (70) Chick-lit (2) Cinema (1) Città del Libro 2012 (2) community (1) concorsi (5) Corsi di scrittura (1) cose di cui non te ne può fregar de meno (77) cose mie (136) cose strane (5) creatività (7) curiosità (15) Desigual (7) di tutto e un po' (88) dipinti (6) diritti d'autore (2) Divagazioni (2) domande su Blogger o Blog (1) donne case e disastri (16) e-book (3) Emily Dickinson (1) Estratti (2) eventi (6) Facebook (1) Fai bei sogni (1) Famiglia (1) film e cortometraggi (1) Film e recensioni (6) Filosofia (1) Fotografia (4) fotografie (32) giochini (5) Giveaway (16) Gli oleandri (1) H&M (1) Hanùl (17) Haruki Murakami (1) I vostri racconti! (1) idee abbigliamento (17) idee capelli (7) Il Blog (14) Il Giorno della Memoria (1) Il salotto di Simo (139) Il Salotto di Simo su YouTube (2) Ilaria Goffredo (2) illustrazioni (1) immagini (8) Inglese (2) Insegnamento (2) Inside Out (1) interviste (64) Invia il tuo racconto! (13) Jeans e cioccolato (32) L'ultimo tramonto a Bangkok (2) La bottega dei libri incantati (2) La Fornace (3) Le Chat Gourmand (1) Le labbra tue sincere (1) Le nostre distanze (3) Lecce (2) Lecceprima (1) leggere (6) Leonid Afremov (3) Letteratura (6) Lezioni di arabo (2) libri (138) Link utili (1) Lo sapevate che... (7) lugubrazioni mentali (31) Massimo Gramellini (1) Maurizio Monte (2) Milano (5) Mille vie fino a te (2) mostre (4) Musicoterapia (1) Natale (7) Never let me go (1) Non c'è nulla di ordinario nell'ordinario (1) novità (39) nullezze (35) ordini online (5) pagine dal vento (49) Passo Domani (3) Perugia (4) Pittura (7) Poesia (1) poesie (23) Poesie e racconti d'autore (2) portafogli dipinti a mano (2) Premiazioni (11) presentazioni letterarie (4) primavera (1) promozione (79) propositi di vita (40) psicologia (1) pubblicare (68) pubblicità (28) Puglia (1) Puuung (1) Quel ridicolo pensiero (14) Racconta la tua storia e vinci un premio (4) racconti (28) racconti di vita quotidiana (26) recensioni (39) ricordi (9) riflessioni (54) risate (6) romanzi d'esordio (57) Salento (1) Salman Rushdie (1) Sara Rattaro (1) scarpe (2) Scrittura (4) scrivere (53) Scuola (4) Segnalazioni (25) Shaila (1) Simona Giorgino (13) Sondaggi (2) Sophie Kinsella (6) storie di attualità (4) storie di ordinaria follia (76) studiare (2) Teatro (1) TFA (1) Thomas Kinkade (1) Tiziana Iaccarino (3) Toscana (1) Traduzioni (1) università (4) viaggi e partenze (19) video (6) virus (1) vita (16) www.hanulstyle.com (3) YouTube (2)