Scritta scorrevole

"Go as far as you can see, when you get there, you'll be able to see further" (T. Carlyle)

Informazioni personali

La mia foto
Insegnante di inglese, ama gli animali, vive in simbiosi con il suo Pinscher nano, adora la fotografia, ha una relazione difficile e duratura con lo shopping, e nutre una profonda passione per la scrittura. Scrive da sempre e ogni tanto pubblica. Il suo blog è un ampio rifugio in cui condivide passioni, letture, divagazioni, curiosità, riflessioni e in cui prova a dare un piccolo spazio all’Arte e a promuovere idee o iniziative degne di nota. Ha pubblicato: “Jeans e cioccolato”, “Quel ridicolo pensiero”, “Shaila” (0111 Edizioni), “Mille vie fino a te” (rivista letteraria La Fornace, n.10).

domenica 26 agosto 2012

Uscite VIP in compagnia di un cane?

Ciao a tutti!
Il Giveaway "Vinci una copia di Jeans e cioccolato" sta andando alla grande. Ci sono molti iscritti, ho assegnato ben 218 numeri finora, e mancano inoltre gli ultimi "ritardatari" che non hanno ancora "regolarizzato" la loro posizione. Infine, manca una settimana alla chiusura delle adesioni. Per cui, se qualcuno di voi non si è ancora iscritto... lo faccia adesso! (è una minaccia! :P)


È domenica e fa un caldo bestiale nonostante siano ancora le otto del mattino. Da buona vecchietta, non sopporto proprio più il caldo. L'estate a un certo punto mi inizia a stare davvero stretta, come un paio di pantaloni taglia 42 che ti stringe la vita dopo che hai messo su qualche chiletto per via dei gelati da Martinucci che ti strafoghi quasi tutte le sere (ogni riferimento è puramente casuale).
Pensavo: ammappete, ma di "mondano" non m'è rimasto proprio più niente! Voglio dire, c'era un tempo in cui uscivo sempre, finivo rigorosamente nelle zone VIPPI (scusate, è una cosa più forte di me, VIPPI è troppo più bello di VIP :P) della città, vestita ovviamente in tacchi e tutto il resto. Adesso, l'uscita più mondana che io faccia è quella in compagnia del mio cane Cliff. Sigh!
Ho trascorso, or dunque, una stagione interamente in sandaletti a suola bassa (al massimo, mi sono concessa, quest'anno per la prima volta in vita mia, qualche centimetro di zeppuola, giusto per darmi un po' di slancio nelle mie uscite "mondane" insieme a Cliff). Il fatto è che stargli dietro è già una faticaccia, figuriamoci se possa permettermi di indossare tacco dodici in sua compagnia, e dovermi poi magari ritrovare a inseguirlo per le vie cittadine incespicando dall'alto dei miei tacchi. Per non parlare di quando bisogna abbassarsi a raccogliere i ricordini che, di tanto in tanto, gli piace lasciare per strada. Poi, è un cane talmente vivace che ha bisogno di correre e camminare per chilometri. Non credo che tornerei a casa integra.
Inoltre, uscire con Cliff - un cagnolino a dir poco indemoniato, comincio a credere - vuol dire non godersi nulla: il calore della gente, l'atmosfera estiva, il centro di Lecce, le vetrine dei negozi, un bella bevanda fresca, l'interno di locali rinomati (e non). Il tipo non sta mai fermo, si muove in continuazione, saltella di qua e di là, con movenze tipiche di un ossesso. Quando incontra suoi consimili, si lancia letteralmente sui loro corpicini con la per-lui-innocua intenzione di giocarvici, finendo puntualmente per intimorirli e facendoli fuggire via (anche cani di grossa taglia che, paragonati a lui, sono praticamente il triplo). Cliff è una presenza possente, quando sono in sua compagnia devo avere occhi soltanto per lui (addio vetrine! Il che sarebbe - a detta del mio ragazzo - anche una specie di benedizione :P). Basta perderlo un momento di vista ed è possibile che ne combini una: del tipo sedersi sui piedi delle persone o lasciare una bella striscia di pipì proprio sulla scia di pedoni in transito. 
La mia uscita più mondana, dunque, è quella in cui io e il mio fiancé cerchiamo altri cani con cui socializzare. Cliff ne è contentissimo, noi un po' meno! :P
Ma non è vero! La realtà è che da quando c'è questo cagnolino nella nostra vita, un po' tutto quanto è cambiato. Venerdì sera abbiamo tentato un'uscita da soli, io e lui, "approfittando" del fatto che il piccolo-indemoniato Cliff non stesse tanto bene. Lo abbiamo lasciato a casa, ma il pensiero e il cuore erano con lui.  Ho varcato la soglia di casa con un groppo nello stomaco. La verità è che Cliff è ormai un membro della famiglia, e quando usciamo senza di lui ci sentiamo ormai vuoti, un po' strani. Di solito, nella mano dove venerdì tenevo la mia handbag afferro il guinzaglio e al guinzaglio c'è lui, quel piccolino che ha tanta voglia di giocare e rotolarsi nell'erba. Quando incontravo gli altri cagnolini, pensavo a lui e al fatto che si sarebbe certamente lanciato addosso nel tentativo fallito di fare amicizia. Qualsiasi cosa ci faceva pensare a lui. 
Per cui, adesso le mie uscite più "mondane" per me sono proprio quelle in cui Cliff è al mio fianco. E va bene così. :)

Simona Giorgino


mercoledì 8 agosto 2012

GIVEAWAY su FB: vinci una copia di "Jeans e cioccolato"

Ciao cari bloggers amici,
vi scrivo in fretta e furia tra una zucchina e un'altra :P per comunicarvi che ho indetto un nuovo giveaway su FB! Metto in palio una copia del mio romanzo "Jeans e cioccolato".
E' uno di quei giveaway facili facili facili, dove ci sono tipo tre/quattro mini-regole da seguire!

Nel giro di poche ore ci sono già quasi 70 iscritti! :)) Le adesioni si chiudono il 2 settembre!

Partecipate anche voi!!

VINCI UNA COPIA DI "JEANS E CIOCCOLATO" 

giovedì 2 agosto 2012

Vi presento LE FINESTRE DEI PENSIERI, di Alessandro Bagnato


Ciao amici. Stasera ospito sul mio blog uno scrittore calabrese nato a Milano, che sicuramente ci offre con le sue pubblicazioni degli interessanti spunti di riflessione. Lui si chiama Alessandro Bagnato ed è laureato in Filosofia e Scienze Umane. Il suo libro è "Le finestre dei pensieri", precisamente un saggio filosofico pubblicato dalla Booksprint Edizioni nel novembre 2011. Nel 2009, invece, ha pubblicato uno studio sulla Bioetica del filosofo E. Lecadano, dal titolo "Tra etica e morale", con la Arduino Sacco Editori. 

Trovo interessanti le parole che Alessandro usa per parlare di sé. Scrive di sé e della sua passione per la scrittura, che per lui diventa strumento per "scavare alla continua ricerca della verità e per spingere il suo lettore a scoprire nuovi orizzonti conoscitivi". 

Mi sembra, inoltre, che Alessandro si apra amichevolmente al pubblico, con la sua voglia di confrontarsi, di farsi conoscere, di far sapere di sé. Lo fa scrivendo una bellissima, sincera biografia, con parole che toccano.

"Alessandro sin da piccolo si immaginava scrittore. Provò a scrivere il suo primo libro a 9 anni, ma non ci riuscì. Ovviamente non abbandonò mai il suo sogno, che gli permise di sconfiggere mille battaglie. 
Alessandro iniziò a parlare a 6 anni, era capito solo dai familiari, su tutti il fratello maggiore. Per questo avvertiva la sensazione che tutti lo schivavano per le sue difficoltà espressive. Si sentiva debole nei confronti di chi ai suoi occhi sembrava divino. Sino agli anni delle superiori era come se intuisse di essere il classico burlone della scuola da denigrare. La sua autostima era nulla. Pensava che il suo compito fosse sempre quello di far notare agli altri le sue capacità per sentirsi stimato dalle persone che lo circondavano. Ancora oggi questa morsa non smette di stringerlo. L'unico che ha creduto sempre in lui è stato il fratello maggiore, compagno inseparabile di mille lotte per la crescita personale e professionale. Tutto ciò che Alessandro è riuscito oggi a raggiungere, lo deve soprattutto alla protezione ricevuta da suo fratello nei momenti di difficoltà. Senza suo fratello e la scrittura, Alessandro probabilmente non ce l'avrebbe fatta. Ed è con la scrittura che tutta la sua energia sgorga come per ritrovare un equilibrio e manifestare una forza che lo fa sentire vittorioso nella stupenda gara della vita."

La scrittura, quindi, è la grande passione di Alessandro. Scrive: "La scrittura è per me una valvola di sfogo sui nefasti della vita quotidiana ed è una passione che dona musica alla mia vita. Una passione che mi accompagna quotidianamente e credo che rimarrà tale, poiché penso che l'uomo viva assecondando le sue passioni, e senza di esse nulla avrebbe senso".

Per vedere invece più da vicino il suo nuovo libro, "Le finestre dei pensieri", leggiamo la sinossi.

<<A volte osserviamo i pensieri distesi su un grande prato come la purezza dei fiori ed essi aspettano che qualcuno si accorga della loro presenza. Restano lì fermi in attesa, ma nessuno li raccoglie. I pensieri si ritrovano come le foglie che cadono dagli alberi in autunno. Cadono, cadono e cadono e rimangono lì, pure e innocue. La gente passa e le calpesta, e neanche chiede scusa.>>
Le finestre dei pensieri gravita intorno a ciò di cui oggi ci occupiamo poco: il pensiero. Ci troviamo di fronte a un flusso di coscienza che sembra nascere durante una notte insonne, in cui i pensieri vagono e si contorcono talmente che si finisce per chiedersi il perché del perché. Un testo senza pretese di scientificità che analizza un argomento già studiato e già discusso da filosofi e letterati del passato che con una rapida carrellata di analisi altrui ci porta ad un'interpretazione in chiave moderna della questione. Qui si rimette in gioco tutto ciò che è stato detto e lo si fa con gli occhi di Alessandro Bagnato, il quale in prima persona s'interroga e ragiona: le finestre dei pensieri che si aprono, si chiudono, ci fanno vedere attraverso i loro vetri e riducono allo stesso tempo la nostra visuale. 

______________________________________
Alessandro partecipa anche a un concorso letterario indetto dalla sua casa editrice. Per sapere di più su tutte le sue attività, sulle sue passioni, sulle cose che ama fare, vi invito quindi a fare un salto sul suo blog (www.alessandrobagnato.com) che, oltre a essere un portale di promozione per le sue opere e le sue attività, offre anche spazio ad autori esordienti che hanno voglia di una vetrina in più in cui esporre le loro opere.

In bocca al lupo Alessandro!

E a tutti voi una dolcissima notte! :)

Simona Giorgino
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Cerca per argomento

0111 edizioni (23) accessori (20) accessori dipinti a mano (9) acquisti (28) amore (4) Angela Bianchini (3) animali (3) annunci (1) Anteprime di libri (25) arte (32) Artesottoilsole (1) Associazione Adolescenti e cancro (1) Associazione culturale G.a.i.a. (10) Associazione Un Ponte per Anne Frank (1) autori (85) autori emergenti (27) autori esordienti (68) autunno (5) Avon (1) Avvisi (2) Beauty (2) bellezza (4) benessere (3) Biennale del Salento (1) borse (12) borse dipinte a mano (3) Bottega Verde (2) Braccialini (1) Butterfly Edizioni (11) cani (2) case editrici (7) categorie maschili (3) cazzate varie (69) Chick-lit (2) Cinema (1) Città del Libro 2012 (2) community (1) concorsi (5) Corsi di scrittura (1) cose di cui non te ne può fregar de meno (77) cose mie (132) cose strane (5) creatività (7) curiosità (13) Desigual (7) di tutto e un po' (86) dipinti (6) diritti d'autore (2) Divagazioni (2) domande su Blogger o Blog (1) donne case e disastri (16) e-book (3) Emily Dickinson (1) Estratti (2) eventi (6) Facebook (1) Fai bei sogni (1) Famiglia (1) film e cortometraggi (1) Film e recensioni (6) Filosofia (1) Fotografia (4) fotografie (32) giochini (5) Giveaway (16) Gli oleandri (1) H&M (1) Hanùl (17) Haruki Murakami (1) I vostri racconti! (1) idee abbigliamento (16) idee capelli (7) Il Blog (11) Il Giorno della Memoria (1) Il salotto di Simo (136) Ilaria Goffredo (2) illustrazioni (1) immagini (8) Inglese (1) Insegnamento (2) Inside Out (1) interviste (64) Invia il tuo racconto! (13) Jeans e cioccolato (32) L'ultimo tramonto a Bangkok (2) La bottega dei libri incantati (2) La Fornace (3) Le Chat Gourmand (1) Le labbra tue sincere (1) Le nostre distanze (3) Lecce (2) Lecceprima (1) leggere (6) Leonid Afremov (3) Letteratura (6) Lezioni di arabo (2) libri (137) Link utili (1) Lo sapevate che... (5) lugubrazioni mentali (31) Massimo Gramellini (1) Maurizio Monte (2) Milano (5) Mille vie fino a te (2) mostre (4) Musicoterapia (1) Natale (7) Never let me go (1) Non c'è nulla di ordinario nell'ordinario (1) novità (34) nullezze (35) ordini online (5) pagine dal vento (48) Passo Domani (3) Perugia (4) Pittura (7) Poesia (1) poesie (23) Poesie e racconti d'autore (2) portafogli dipinti a mano (2) Premiazioni (11) presentazioni letterarie (4) primavera (1) promozione (76) propositi di vita (39) psicologia (1) pubblicare (68) pubblicità (27) Puglia (1) Puuung (1) Quel ridicolo pensiero (14) Racconta la tua storia e vinci un premio (4) racconti (28) racconti di vita quotidiana (26) recensioni (39) ricordi (9) riflessioni (52) risate (6) romanzi d'esordio (57) Salento (1) Salman Rushdie (1) Sara Rattaro (1) scarpe (1) Scrittura (4) scrivere (53) Scuola (4) Segnalazioni (25) Shaila (1) Simona Giorgino (13) Sondaggi (2) Sophie Kinsella (6) storie di attualità (4) storie di ordinaria follia (74) studiare (2) Teatro (1) TFA (1) Thomas Kinkade (1) Tiziana Iaccarino (3) Toscana (1) Traduzioni (1) università (4) viaggi e partenze (19) video (6) vita (15) www.hanulstyle.com (3)